IL CALIFFATO TRA NOI

In Siria con il figlio per l'Isis, ordinanza di arresto per Valbona Berisha

Ha messo il piccolo di soli sei anni a disposizione della jihad, obbligandolo a frequentare un campo di addestramento

Redazione
Foto ANSA

Un'immagine distribuita dai Ros che riguarda la vicenda di Valbona Berisha

Pur con la paura delle bombe "lanciate dagli aerei", non ha desistito dal suo progetto: combattere per l'Isis e fare del figlioletto un "futuro martire". È uno dei particolari più inquietanti che ha convinto la Procura di Milano a chiedere e ottenere l'arresto per terrorismo internazionale di Valbona Berisha, la madre albanese ora 34enne che il 17 dicembre di due anni fa è sparita da Barzago, paesino in provincia di Lecco, con il terzogenito per arruolarsi nel Califfato.

Li', oltre all'addestramento 'militare', avrebbe addirittura cambiato nome al piccolo da Alvin in Yusuf e lo avrebbe fatto circoncidere. Secondo la ricostruzione la donna è fuggita abbandonando il marito, che ne ha subito denunciata la scomparsa e che per due volte ha cercato di raggiungerla per riportare in Italia in figlio, un muratore più vecchio di lei di 13 anni e con cui avrebbe avuto dei dissapori e le altre due figlie allora di 10 e 11 anni. In Italia dal 2000, con una famiglia ben integrata, 'Bona', è il soprannome della Berisha, da casalinga è diventata nel giro di poco tempo estremista.

E lo testimonia il materiale ritrovato dai Carabinieri del Ros, che hanno condotto le indagini coordinate dal pm Alessandro Gobbis, sul notebook e sul computer lasciati dalla donna a casa: immagini, come si legge nell'ordinanza del gip Manuela Scudieri, di "predicatori estremisti e propagandisti dello Stato Islamico (tra cui il noto Sadullah Bajrami), la bandiera nera solitamente utilizzata come vessillo di organizzazioni terroristiche jihadiste, il logo" dell'Isis, "uomini armati e in mimetica con il dito indice a simboleggiare la devozione assoluta ad Allah", donne con il niqab e "bambini armati" di Kalashnikov.

Insomma, dagli apparati informatici sequestrati dai Carabinieri emerge un percorso di radicalizzazione che, accanto anche uno studio del corano "esasperato", per dirla con le parole di Alberto Nobili, il capo del'antiterrorismo milanese, hanno portato la donna addirittura ad avere contatti con terroristi legati ad Al Baghdadi ad alti livelli e ad innamorarsi e forse anche a risposarsi con uno dei suoi indottrinatori che avrebbe appunto raggiunto ad Al Bab, una località a una quarantina di chilometri da Aleppo e individuata dagli inquirenti grazie al gps installato, inizialmente senza che lei lo sapesse, sul suo cellulare. Località che avrebbe raggiunto grazie all'aiuto di un foreign fighters sempre albanese e pare morto nel 2015 che ha comprato il biglietto aereo per lei e per il figlio: da Orio al Serio a Istanbul e da li' in Siria dove avrebbe prestato soccorso ai feriti e partecipato ad azioni di guerriglia. Di Valbona Berisha e del bimbo non si hanno notizie da tempo, e non si sa se siano ancora vivi.



LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"
"A Dio quel che è di Dio, a Cesare quel che è di Cesare"

Papa Francesco: "Sì allo Ius Soli". Salvini: "Lo applichi in Vaticano, se vuole"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU