renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Alle 19 il Premier si è recato dal Presidente della Repubblica per formalizzare le dimissioni dopo la vittoria del No al referendum costituzionale

Redazione
Si è dimesso

Il Bomba si è dimesso. Alle 19 è salito al Quirinale per rimettere il mandato nelle mani del presidente Mattarella (che domani aprirà le consultazioni) ed ha lasciato il Colle dopo 40 minuti. Mattarella si è riservato di decidere, invitando Renzi a restare in carica con il governo per l'ordinaria amministrazione degli affari correnti. Molte e differenti le reazioni del mondo politico già nel tardo pomeriggio, dopo che Renzi aveva parlato alla direzione del PD.


"Tra una settimana, se non ci saranno risposte chiare sul voto, noi scendiamo in piazza: il 17 e il 18 dicembre siamo pronti per una raccolta firme per elezioni subito. Questa la nostra risposta a Renzi e Mattarella se pensano di farci perdere ancora del tempo. Renzi vuole un governo con tutti dentro? Mai, la Lega non accetterà mai. Vogliono perdere altro tempo con la scusa della legge elettorale? Siamo pronti a raccogliere 1 milione di firme in tutte le piazze italiane! Niente scherzi #votosubito". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini. Sulla stessa linea il leader M5s Alessandro Di Battista: "Ex-presidente @matteorenzi te lo ridiciamo chiaramente. Il M5S vuole andare al voto il prima possibile. Tu, come detto, lasci la politica?", ha scritto su Twitter.


"Auspichiamo che la parentesi che lo ha visto protagonista si possa chiudere davvero", ha dichiarato il senatore di Forza Italia Altero Matteoli. "Forse Renzi non si è accorto di aver perso il referendum. Oltre 19 milioni di italiani, infatti, hanno respinto al mittente la sua schiforma e, congiuntamente, hanno bocciato pesantemente anche l'attività del governo. Il segretario del PD, invece di continuare a mostrare la sua arroganza, dovrebbe chiedere scusa agli italiani per aver bloccato il Paese con una riforma dettata al Governo dai grandi gruppi economici, e andarsi a nascondere, uscendo dalla politica, come aveva promesso qualche mese fa", hanno affermato in una nota i deputati M5S della commissione Affari costituzionali.


Le consultazioni si apriranno domani al Quirinale dalle ore 18.00. Lo ha annunciato il segretario generale del Quirinale Ugo Zampetti. Gli incontri inizieranno con il presidente del Senato Pietro Grasso, la presidente della Camera Laura Boldrini e il presidente emerito Giorgio Napolitano. Le consultazioni saranno chiuse sabato con Forza Italia, M5s e PD. Sempre nella giornata di sabato alle 10.00 sarà la volta di una rappresentanza del Gruppo parlamentare Lega del Senato e della Camera dei Deputati.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU