intervista al direttore del Centro tedesco per gli Studi euroasiatici

Ochsenreiter: "Merkel? La donna più fidata per la palude liberale in Europa"

“Angela Merkel giocava tutte le sue carte sull'elezione di Hillary Clinton alla Casa Bianca per poter rinforzare il suo ruolo egemone sull'Unione europea, ma adesso tutto cambia. E i movimenti identitari e sovranisti come la Lega e Alternative fuer Deutschland, hanno la possibilità di aumentare i loro consensi e cambiare finalmente questa Ue disastrosa”

Gianluca Savoini
a

Manuel Ochsenreiter, giornalista e direttore del Centro tedesco per gli Studi euroasiatici, è vicino al partito “Alternative fur Deutschland”, guidato dalla forte personalità femminile di Frauke Patry e si congratula con Matteo Salvini per il risultato del referendum di domenica scorsa, analizzando la situazione politica internazionale in esclusiva per Il populista.

Dottor Ochsenreiter, dopo la Brexit e la vittoria di Trump, in Europa molte cose stanno cambiando. Qualcuno ha avvisato la cancelliera tedesca Merkel di questi cambiamenti storici? O lei continuerà nella sua politica, come se Obama fosse ancora alla Casa Bianca?

Angela Merkel è fortemente sotto pressione dopo la vittoria di Donald Trump. Merkel e tutto il suo governo hanno espresso la loro disapprovazione per Donald Trump durante la sua campagna elettorale molte, molte volte. La speranza di Berlino per Hillary Clinton come prossimo presidente degli Stati Uniti è totalmente fallita. Ora la lobby transatlantico-liberale - tra cui la Merkel - ha perso la "nave guida liberale" degli Stati Uniti, dove Donald Trump ha annunciato di voler "prosciugare la palude" a Washington, mentre l'opposizione euroscettica - tra cui il partito tedesco AfD, il Front National francese, la Lega in Italia e gli austriaci della FPÖ - ha diverse ragioni per guardare con speranza alla modifica della politica degli Stati Uniti verso l'Europa. Angela Merkel sicuramente cercherà di mantenere l'Europa nella “palude di Washington" , cercherà di continuare la politica anti-russa, anche senza l'appoggio di Washington.
A Berlino si assisterà forse alla peggiore variante della "Sindrome di Stoccolma". Quando il maestro (Washington) volta le spalle al suo servo (Berlino), il servo potrebbe cercare di imitare il suo maestro, forse in maniera ancora più radicale e più devota. La Merkel sarà di sicuro la donna più fidata per la palude liberale in Europa. Lei cercherà con ogni mezzo di metter al sicuro il progetto dell'Unione Europea anche contro la volontà della maggioranza del popolo europeo - e del popolo tedesco in particolare. Le prossime elezioni del Bundestag nel settembre 2017 potrebbero portare alla più dura, più polarizzante e più radicale campagna elettorale in Germania da molti decenni. Merkel e il suo governo useranno tutti i trucchi e gli strumenti per la lotta contro l'opposizione di AfD”.

Può spiegare ai lettori italiani qual è il programma di Alternativa fuer Deutschland?

“AFD è stata fondata nel 2013 ed è il primo partito euroscettico di opposizione in Germania. Ed è in costante crescita. Tanto più che la cosiddetta "crisi dei rifugiati" causata da Angela Merkel ha portato sempre più tedeschi a sostenere il partito di Frauke Petry. Il ruolo diAfD può essere confrontato con il FN in Francia, la Lega in Italia o FPÖ in Austria - nel Parlamento europeo l' eurodeputato Marco Pretzell è membro della gruppo ENF. Alternative fuer Deutschland sta combattendo il Super-stato europeo, sostiene l'idea di una Germania sovrana e indipendente, con una immigrazione controllata, è a favore della famiglia e della democrazia diretta”.

In Germania cosa pensa l'opinione pubblica della Russia e di Putin? Hanno paura di lui? E quanti danni stanno causando le sanzioni all'economia tedesca?

“C'è un grande divario tra la propaganda governativa e l'opinione pubblica. La maggior parte della Germania è contro il regime delle sanzioni contro la Federazione Russa, il presidente russo Vladimir Putin è più popolare fra i tedecshi di Angela Merkel o del presidente federale Joachim Gauck. Abbiamo anche un crescente scetticismo contro la NATO e l'UE. Le sanzioni anti-russe sono alla fine sanzioni anti-tedesche. Più di 300.000 posti di lavoro tedeschi dipendono dal commercio con la Russia, migliaia di aziende tedesche sono nel business con Mosca. A lungo termine le sanzioni danneggiano più la Germania che la Russia”.


C'è una opposizione interna alla CDU contro la Merkel? Come è stata accolta la decisione della Merkel di candidarsi alle elezioni del prossimo anno?

Angela Merkel è riuscita a diventare tutta la CDU. I funzionari sono fedeli a lei, che si è sbarazzata di tutti i suoi avversari interni al partito. La sua leadership non è contestata nella CDU / CSU. Anche coloro che stanno più o meno mostrando un certo disaccordo verso la sua politica delle frontiere aperte, come il presidente Horst Seehofer della CSU bavarese, alla fine sostengono la cancelliera. Merkel è anche riuscita a trasformare la CDU da un partito democratico-cristiano in un'organismo privo di valore ideologico, un club per mantenere Angela Merkel al governo. E così i funzionari della CDU hanno freneticamente celebrato decisione della Merkel di essere ricandidata nel 2017”.

Quali sono gli obiettivi e le iniziative del Centro tedesco per gli studi euroasiatici da lei diretto?

“La nostra ONG è stata creato nei primi mesi del 2016, come “think-tank” per la nuova politica estera tedesca sulla base di interessi tedeschi ed europei. La nostra idea è un continente indipendente, l'Europa, in stretta collaborazione con il mondo russo. Conduciamo analisi geopolitiche e osservazioni elettorali soprattutto in quelle zone dove la politica estera tedesca ufficiale è completamente fallita: nella ex Ucraina orientale (Repubblica Popolare di Donetsk e quella di Lugansk nell'Ucraina orientale), nel Medio Oriente (Siria) e Caucaso ( Repubblica di Nagorno-Karabakh), ma anche in molti altri posti. In questo momento la politica estera tedesca agisce per conto di un "catalogo di valori transatlantici" , di "interessi comunitari" o semplicemente di "diritti umani". Il nostro Centro tedesco per gli Studi Eurasiatici vuole preparare il terreno per il futuro della politica estera tedesca solida e basata sugli interessi tedeschi ed europei”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Il formaggio puzza. Furgone bloccato per un controllo: era merce rubata
chiusi, Polizia trova 2.500 kg parmigiano sottratto

Il formaggio puzza. Furgone bloccato per un controllo: era merce rubata

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo
salvini: "avanza il Partito della Libertà da sempre alleato della Lega"

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU