Sumaya in giunta a Milano?

Se dovesse vincere Sala, la candidata musulmana del PD potrebbe diventare assessore

Alle elezioni comunali di Milano ha ottenuto oltre mille preferenze personali: c'è chi la propone come titolare della sicurezza

Redazione
Se a Milano dovesse vincere Sala, l'estremista islamica potrebbe diventare assessore

Il sito internet di Sumaya Abdel Qader: www.sumaya.it

Sumaya Abdel Qader, che era stata contestata da comunità ebraica e musulmani moderati, ha ottenuto oltre mille preferenze personali nelle elezioni amministrative conquistandosi così uno scranno a Palazzo Marino, sede del municipio. Lei ha già rivendicato, sul proprio profilo Facebook, un "importante risultato personale" scrivendo: "Un sentito grazie ai più di mille milanesi che hanno voluto darmi fiducia ieri scrivendo il mio nome" e aggiungendo "non è finita. Il 18 giugno andremo al ballottaggio e servirà ancora l'impegno di tutti per portare a casa la vittoria definitiva".


Candidata in lista per il Partito Democratico, nel corso della campagna elettorale ha ottenuto grande visibilità proponendosi come portavoce delle battaglie per i diritti dei cittadini di religione musulmana, a partire da quella per la costruzione di una moschea, promessa da Pisapia cinque anni ma mai realizzata per la forte opposizione da parte della Lega. La futura consigliera comunale incassa il sostegno del Caim, sigla che riunisce molte associazioni estremiste islamiche del milanese: voci raccolte negli ambienti del fondamentalismo musulmano la danno addirittura come assessore alla sicurezza in caso di vittoria di Giuseppe Sala al ballottaggio.

Il post di ringraziamento della candidata, dalla sua pagina Facebook
Il post di ringraziamento della candidata, dalla sua pagina Facebook

Sumaya era stata criticata anche in occasione dell'ultimo 25 aprile, quando aveva rilasciato dichiarazioni che avevano fatto infuriare la comunità ebraica: "Sfilerei con la brigata ebraica senza problemi", aveva scritto, "se non confondesse il suo essere profondamente italiana con Israele che non rappresenta me e tanti italiani." Le sue parole erano state accolte con fastidio dagli stessi piddini legati alla comunità ebraica meneghina, con Emanuele Fiano che aveva giudicato "inaccettabile" l'esitazione da parte di un candidato Pd a sfilare dietro il vessillo della brigata ebraica, e con Daniele Nahum che aveva accusato la compagna di partito islamica di confondere la sfilata del 25 aprile con il carnevale ambrosiano. In quell'occasione, sui social network era comparsa anche una foto nella quale suo padre, Mohamed "Abu Sumaya" Abdel Qader, stringe la mano all'ex presidente egiziano Mohamed Morsi, islamista legato alla Fratellanza egiziana e deposto a furor di popolo nell'estate del 2013 con tanto di intervento dell'esercito in aiuto dei manifestanti, dopo che l'ex presidente si era rifiutato di andare a nuove elezioni.

La foto del padre di Sumaya con Morsi, da Facebook
La foto del padre di Sumaya con Morsi, da Facebook

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Renzi si è dimesso. Annunciato il congresso del PD
i DISSIDENTI RESTANO SUlle LORO POSIZIONI

Renzi si è dimesso. Annunciato il congresso del PD


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU