Quando gli italiani vivevano la guerra...

Lorella Lattavo
Quando gli italiani vivevano la guerra...
....e mai hanno pensato di scappare in altri Stati facendo i profughi! Tutt'al più erano sfollati da una città all'altra...mia madre ad esempio da Milano all'inizio degli anni 40 sfollò coi genitori a Sassuolo, poichè la città lombarda era diventata pericolosa per l'incolumità delle persone, ma nessuno dico nessuno pensò mai di salire su un treno e andare in Svizzera o in altro paese non belligerante...già ma i nostri cari naufraghi raccattati da tutte le ONG che sbucano all'improvviso come Venere dalla spuma del mare, non la pensano in questo modo....eppure l'Africa è grande! Vabbè, capisco che i cecchini dei regimi totalitari di quei luoghi sono sempre pronti a tirar di schioppo, però pensare di venire a rompere i ...cosiddetti in Europa sta diventando un vero incubo, peggio di una peperonata di sera! Salvini è stato chiaro, qui non approda nessuno, le leggi ci sono, sono state approvate dal Parlamento e chi le infrange dovrebbe essere arrestato per oltraggio alla Nazione...ma a quanto pare i nostri cari giudici non la pensano così, almeno finora...e per fortuna che loro sarebbero i garanti della legalità....già...ma quale? Tornando alle vicissitudini dei nostri genitori, nonni, durante la guerra, dobbiamo dire che loro l'hanno vissuta veramente sulla propria pelle...case bombardate, senza più soldi e cibo, costretti ai ricatti di chi faceva la " borsa nera", donne spaventate, ragazzine in balìa di violenze sovrumane ( basti ricordare il basso Lazio e le vicende narrate nel film " La Ciociara" di De Sica), uomini fatti prigionieri che più hanno rivisto le loro famiglie. Insomma un racconto di vita vissuta ma nel silenzio, nella sofferenza della propria anima...esattamente il contrario di quello che sta avvenendo ora. Ma parliamoci chiaro una volta per tutte: basta invocare la solfa della legge del mare, perchè queste persone non sono naufraghi, altrimenti il Mediterraneo sarebbe un cimitero di barche affondate! Questi pagano fior di dollari e già questo fa capire che nei luoghi dove vivono non ci sono guerre altrimenti col ciufolo che avrebbero potuto disporre di denaro! Inoltre dagli indumenti che indossano non pare proprio che siano in fuga da conflitti e sparatorie...inoltre se sei un naufrago non credo che in acqua il cellulare, gli occhiali, il cappellino con la visiera di traverso li avresti salvati...e su! Gli italiani hanno smesso di fare i fessacchiotti, e soprattutto sono stufi di essere sempre paragonati a queste persone ...infatti il tema dominante della sinistra è l'immigrazione e al proposito, per convincere i dubbiosi delle loro buone intenzioni ( da qui il termine " buonismo") faceva il paragone con gli immigrati italiani in America....ma adesso pare che la musica sia cambiata, non più immigrazione per povertà, ma per guerra....la verità dov'è? Insomma i " bastimenti che partono per terre lontane" a quale scopo lo fanno? Pensiamo piuttosto a chi soffre sul serio in Africa, a quei bimbi denutriti che ti guardano con quegli occhi che chiedono pietà, ma soprattutto ai nostri poveri, a quegli anziani soli e abbandonati che per vivere rubano nei negozi e vengono spudoratamente arrestati...Mi spiace questa non è l'Italia in cui credo. Del resto lasciare solo il nostro ministro Salvini a combattere questa battaglia per difendere i nostri confini e la nostra storia è sintomo di un malessere che va oltre l'incompatibilità politica ma tocca un piano ben congegnato di distruggere il nostro Paese. Ministro, gli italiani attendono un tuo segnale per scatenare un inferno senza ritorno..

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU