CRIMINI DEGLI scafisti

Credendino: "Stupri ed organi espiantati"

Gli sbarchi non si fermano e persino l'Italia si rende conto che il coinvolgimento degli Stati nordafricani è basilare

Redazione
Credendino: "Stupri ed organi espiantati"

Foto ANSA

Che fosse necessario coordinarsi con l’Egitto per contrastare il flusso dell’immigrazione clandestina verso le coste meridionali dell’Europa, e gli orribili abusi che vi stanno dietro, l'aveva già sottolineato più volte l’ammiraglio Enrico Credendino, comandante dell’operazione militare dell’Unione europea nel Mediterraneo centromeridionale (EUNavfor Med), dopo un incontro con il ministro dell’Interno egiziano, generale Magdy Abdel Ghafar.


“In mare c’è una sola legge: chi è in difficoltà va salvato. E noi abbiamo salvato oltre 15.000 persone”, ha detto l’ammiraglio. “Lavoriamo molto vicino alle acque territoriali libiche impedendo agli scafisti di oltrepassarle, altrimenti li arresteremmo, e sottraendo risorse a questo traffico impedendo che riprendano i barconi di legno per riutilizzarli e neutralizzandoli”, ha aggiunto. Credendino ha anche tolto il velo dall'aspetto più barbaro delle immigrazione clandestina, parlando senza mezzi termini di "donne che assumono la pillola perché sanno che saranno violentate dai trafficanti e di minori venduti a chi espianta gli organi".


C’è anche questo dietro la tragedia dell’immigrazione che travolge l’Italia e l’Europa. L’ammiraglio, ascoltato dalle commissioni Difesa di Camera e Senato, ha fornito cifre impressionanti come bilancio dell’attività. Il 14% dei migranti che partono dalla Libia, ha detto Credendino, è composto da donne che "sanno che verranno abusate, mentre l'8% è composto da bambini e minori non accompagnati, in particolare provenienti da Egitto ed Eritrea. Alcuni pare che possano essere venduti alle reti che espiantano organi".


L'Eunavfor Med comandata da Credendino ha il compito di raccogliere informazioni sulle reti del traffico e della tratta degli esseri umani nel Mediterraneo centromeridionale. Il comando operativo dell’operazione è assegnato all’Italia, esercitato da Roma, presso il Comando di Vertice Interforze. Sono quattordici i Paesi che contribuiscono all’operazione navale: oltre all’Italia, danno il loro contributo Regno Unito, Germania, Slovenia, Grecia, Francia, Lussemburgo, Spagna, Belgio, Finlandia, Ungheria,Lituania, Paesi Bassi e Svezia.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU