Violenza sui minori

Si può guarire dalla pedofilia?

A Milano un uomo ha accettato i trattamenti sanitari proposti dal Tribunale, dopo gli anni passati in carcere

Alex Bazzaro
Vittima di abusi sessuali

Foto ANSA

E’ possibile “guarire” dalla pedofilia? Secondo studi scientifici ci sarebbe una possibilità di ridurre i comportamenti deviati delle persone recidive, attraverso un esperimento che si basa sulla frequentazione di un gruppo di aiuto, volto al sostegno dei membri affetti da questo disturbo.

Succede a Milano, per la prima volta un tribunale ha deliberato, che un soggetto, incarcerato per il reato di pedofilia, dopo lo sconto della condanna, debba obbligatoriamente seguire il programma di cura personalizzato. L’uomo di 41 anni, dichiarano i giudici, deve prendere contatti con il presidio criminologico territoriale al fine di concordare con i suoi componenti il piano di svolgimento. Di fondamentale rilevanza però il fatto che il paziente debba necessariamente rilasciare il consenso, come dichiara l’art.32 della Costituzione Italiana, per il quale non è possibile obbligare un individuo ad effettuare trattamenti sanitari. In caso contrario si commetterebbe una violazione evidenziata dai giudici, presieduti da Fabio Roia.

Inizialmente per l’imputato era stata chiesta una sorveglianza speciale, con obbligo di residenza nel proprio comune per i due anni successivi all’uscita dal carcere. Proposta basata sulle sue attuali situazioni psicologiche, che non sarebbero state totalmente risolte durante i più 4 anni di reclusione. Il tribunale ha invece preferito inserire la novità dell’obbligo di cura, oltre che le tradizionali limitazione a cui deve prestare attenzione, anche in relazione alle ultime dichiarazioni dell’uomo in sede d’aula, secondo cui i propri impulsi sarebbero svaniti.

Tale cura, destinata solo ad una minima parte degli individui soggetti a tale pulsione, viene eseguita presso il Centro Italiano per la Promozione della Mediazione a Milano. Ad occuparsene sono il criminologo Paolo Giulini e Francesca Garbarino, che da anni sono interessati allo sviluppo di un metodo di recupero. Tra i pazienti, Salvatore dichiara: “Ero all'inferno, poi il mio avvocato mi ha parlato di una possibilità", per lui la cura inizia con l’accettazione di essere un pericolo per la società.

I dati iniziali parlano chiaro, su sessanta uomini partecipanti al progetto la recidività sessuale è dimezzata dell’8% e quella violenta diminuita di un terzo.
Piccoli numeri finora ma si spera in futuro, con lo sviluppo di nuovi metodi, possano diventare sempre più alti.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU