La piaga della burocrazia

A novembre lo Stato preleverà a 40 milioni di italiani 1.360 euro

Le tasse che vesseranno i contribuenti in questo mese, come l'Ires, l'Iva, l'Irap e l'Irpef, avranno un importo totale di 55 miliardi di euro

Ismaele Rognoni
Arriva Renzi, e a Firenze la questura vieta le manifestazioni contro di lui

Matteo Renzi. Foto ANSA

Lo Stato dovrà riscuotere gli acconti delle imposti in questo mese per un totale di circa 55 miliardi di euro; una parte dei 490 miliardi di euro, proveniente dalla entrate tributarie, che ogni anno il governo incassa. Pertanto a novembre per 40 milioni di contribuenti italiani arriverà una batosta di circa 1360€ a testa, ed è come se ogni italiano pagasse 921,63€ a cranio. Le tasse più onerose da pagare saranno l'Ires, l'Iva e l'Irpef.

L'acconto Ires, l'imposta sul reddito delle società di capitali, porterà quest'ultime a versare 14,6 miliardi di euro allo Stato italiano, in media 14.600€ a testa in un mese.
L'Iva, pagata da 5,2 milioni di lavoratori, è stata calcolata in un guadagno di 12,8 miliardi, mediamente 2.433,50€ a testa.


L'Irpef è composto da 11,6 miliardi di euro, provenienti dalle ritenute dei dipendenti e dei collaboratori, e dagli acconti del 2017 che saranno di 7,7 miliardi. In più bisogna considerare le ritenute sugli autonomi e le addizionali regionali e comunali per 1,5 miliardi.
Non è da dimenticare l'Irap, ossia l'imposta regionale sulle attività produttive, quantificata con un valore di 6 miliardi di euro equivalenti a 1200€ a testa per ogni individuo soggetto a pagarla.



LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Scontro tra PD e M5S
stracci volanti In Consiglio Comunale

Ius soli, a Torino è scontro tra PD e M5S

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU