amor di patria

Danimarca, controlli alle frontiere: in netto calo arrivi e delinquenza. In agosto 284 le richieste asilo

La stretta arriva dai politici danesi che hanno attribuito all'immigrazione incontrollata il drammatico aumento della criminalità e delle violenze. Oltre 9000 gli agenti impiegati ai confini

Fabio Montoli
Danimarca, controlli alle frontiere: in netto calo gli arrivi, le richieste asilo e la delinquenza

Foto cronaca

La chiusura dei campi profughi in tutta la Scandinavia e gli investimenti del governo danese nella polizia di frontiera per il controllo dei confini con la Germania e la Svezia, non solo hanno determinato un netto calo degli arrivi di immigrati e delle richieste di asilo, ma anche una decisa diminuzione dei crimini violenti dovuti all'immigrazione incontrollata.

Sono stati proprio i politici danesi, ad attribuire a questo fenomeno, quello che era stato un aumento drammatico della delinquenza, delle aggressioni e delle violenze, anche a sfondo sessuale, e da questi la conseguente direttiva ad una "stretta" sugli ingressi e sugli asili. 

La polizia danese, dallo scorso autunno, vigila strettamente sull’afflusso di rifugiati. Secondo quanto riportato dal quotidiano danese Politiken, tra settembre 2015 e agosto di quest'anno, la polizia sta impiegando 450 funzionari a tempo pieno e 9.000 agenti ai controlli di frontiera. Gli ufficiali di polizia di Copenaghen sono invece occupati nella tutela della comunità ebraica della capitale, dopo l’attacco del febbraio 2015 quando, un giovane ebreo è stato ucciso fuori della Grande Sinagoga di Copenhagen.

"I controlli alle frontiere – secondo il ministro danese per l’Integrazione Inger Støjberg – hanno avuto un importante effetto preventivo e hanno contribuito a ristabilire l’ordine pubblico".

L’anno scorso, la Danimarca, nazione di 5,6 milioni di abitanti, ha ricevuto oltre 21.000 richiedenti asilo. Quest’anno, secondo i dati del governo scandinavo, nei primi otto mesi del 2016, hanno fatto istanza di asilo 5.090 persone. Un dato in netto calo, rispetto alle oltre 21 mila domande registrate nel 2015. Nel mese di agosto sono stati appena 284 gli immigrati che hanno presentato i documenti per entrare. Per le autorità di Copenaghen gli assidui controlli alle frontiere e l’irrigidimento delle regole per la concessione dello status di rifugiato, hanno avuto il loro effetto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU