Tragedia familiare

Crotone, arrestata la ragazza che ha ucciso la madre gravemente malata

Avrebbe preso un sacchetto di plastica e l'avrebbe infilato in testa donna affetta da un male incurabile, che era adagiata sul letto, soffocandola

Redazione
Crotone, arrestata la ragazza che ha ucciso la madre gravemente malata

L'ospedale di Crotone. Foto ANSA

Potrebbe nascondere un movente legato in qualche modo alle condizioni di salute della vittima, gravemente malata da tempo, l'omicidio di Giovanna Salerno, di 48 anni, uccisa nel tardo pomeriggio di giovedì 6 ottobre a Crotone dalla figlia ventiduenne, Federica Manica. L'omicidio è accaduto a "Poggio Pudano", quartiere popolare della città. Al momento dell'omicidio Federica Manica e la madre erano sole in casa. La ragazza avrebbe preso un sacchetto di plastica e l'avrebbe infilato in testa della madre, che era adagiata sul letto, soffocandola. Ad avvertire i carabinieri di quanto era accaduto è stato il marito della vittima, cui la giovane, quando l'uomo ha fatto rientro a casa, ha rivelato l'omicidio. Sul corpo di Giovanna Salerno non sarebbero state trovate tracce di violenza, segno che la donna non avrebbe opposto alcuna resistenza alla figlia.

Il quadro investigativo è quello secondo cui Federica Manica, figlia unica, diplomata ed in cerca di prima occupazione, avrebbe ucciso la madre, affetta da un male incurabile, per porre fine alle sofferenze della donna. Dopo il fermo iniziale, in tarda serata la ragazza è stata arrestata. Al termine dell'interrogatorio del pm Luisiana Di Vittorio condotto, alla presenza dei suoi avvocati, nella caserma del Comando provinciale Carabinieri di Crotone, è stata dichiarata in arresto per omicidio volontario della madre. Federica Manica è stata ricoverata nel reparto di psichiatria dell'ospedale S.Giovanni di Dio di Crotone dove si trova piantonata. I carabinieri stanno ancora indagando su dinamica e movente del delitto.

Dalle indagini non è emerso che all'interno della famiglia Manica ci fosse una situazione particolare ma, al contempo, non si esclude che la giovane, a causa delle gravi condizioni di salute in cui versava la madre, che soffriva anche, a causa della sua patologia, di un forte stato depressivo, avesse accumulato uno stato di tensione tale da culminare nell'omicidio. Saranno le indagini dei carabinieri a mettere a fuoco quanto è accaduto. Per il momento, quello che si intravede dietro la vicenda è il dramma che può vivere una famiglia, con le conseguenze che possono derivarne, di fronte all'ineluttabilità di un male incurabile che può colpire uno dei suoi componenti.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU