primizie dimenticate

Sicilia: quell'agricoltura uccisa dalla concorrenza a basso costo

Ci piacerebbe uno Stato che vietasse l'uso di prodotti tossici; che promuovesse controlli regolari e standard di qualità; che richiedesse filiere controllabili e certificabili

Antonio Purpari
Sicilia: quell'agricoltura uccisa dalla concorrenza a basso costo

Tutti ricorderanno i tempi in cui la Sicilia veniva definita il granaio d'Europa. Molti ricorderanno gli agrumi siciliani, i limoni, le arance, i mandarini. Altri ricorderanno il latte e i derivati dal latte degli allevatori italiani. Ma giorno dopo giorno troviamo sugli scaffali dei grandi super e ipermercati prodotti che non vengono dalla nostra agricoltura; spesso, a dire la verità, non ci curiamo nemmeno di sapere da dove vengano e con quale grano siano realzzati i derivati come pasta, pane, biscotti, dolci.

Non ci chiediamo come si fa a vendere il latte confezionato nei supermercati a 40 centesimi di euro al litro. Guardiamo soltanto al costo o tutt'al più ci indirizziamo verso i prodotti più pubblicizzati. Non ci curiamo se le marche negli anni sono passate dalle mani di italiani alle mani di multinazionali straniere; ancora meno ci curiamo se quei marchi - ancora italiani - preferiscono importare le materie prime da paesi lontani.


Oggi incominciano ad uscire, tra enormi difficoltà, studi che giustificano costi bassi di produzione, a volte dovuti a manodopera a costo ridottissimo per mancanza di tutte le tutele "nostrane" o a utilizzo indiscriminato di diserbanti o di sostanze che proteggono i prodotti della natura da infestanti e parassiti.


Pensiamo che tali prodotti siano naturali, magari perchè il marchio è depositato in una specifica regione o zona agricola italiana, ma non capiamo che di naturale hanno ben poco, perchè vengono da Paesi che sono indifferenti agli accorgimenti che rendono un prodotto di qualità o meno. Troviamo ovunque, all'ordine del giorno, statistiche che ci parlano di intolleranze alimentari se non di tumori e linfomi. Il motivo è evidente, no?


Non tutti possono pagare un chilo di pasta a 3 euro al Kg e non tutti ne capiscono la differenza. Non tutti hanno la certezza che quei 3 euro siano veramente giustificati. Oggi però ci piacerebbe uno Stato che limitasse o meglio ancora vietasse, per tutti i prodotti che arrivano sulle nostre tavole, l'uso di prodotti tossici; che promuovesse controlli regolari e standard di qualità; che richiedesse filiere controllabili e certificabili. E probabilmente pagheremmo latte, limoni e pasta un po' di più ma risparmieremmo sulla Sanità. E miglioreremmo la nostra qualità di vita.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Non ci son soldi, calano le casalinghe
donne in cerca di lavori umili

Non ci son soldi, calano le casalinghe

La bufala delle pensioni pagateci dagli immigrati
Quei Boeri indigesti per l'Italia...

La bufala delle pensioni pagate dagli immigrati


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU