Accade in Sicilia

Il Comune di Patti, nel messinese, pubblica avviso per centro di accoglienza

La giunta vuole struttura destinata ad accogliere minori non accompagnati. Insorge 'Noi con Salvini' con Attaguile che annuncia interrogazione e Trifilò che attacca il sindaco

Fabio Cantarella
Il Comune di Patti, nel Messinese, pubblica avviso per centro di accoglienza

Il Comune di Patti punta ad aprire un centro per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Non ci sono più dubbi in merito perché a parlare è un atto pubblico dell’ente, una determina dirigenziale con la quale il VI Servizio del Comune, ossia l’area Servizi alla Persona, lo scorso 26 agosto, ha approvato l’avviso pubblico che consente “…la presentazione di manifestazione d’interesse relativa alla coprogettazione di interventi per la presentazione di domande di contributo per le Politiche e i Servizi per l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati…”. E, proprio a seguito di detto avviso, una cooperativa privata ha presentato un’offerta.

L’avviso in questione è un atto che fa riferimento al decreto emanato dal ministro dell’Interno (o meglio dell’Invasione per com’è stato ribattezzato) Angelino Alfano dello scorso 22 aprile, con il quale il Viminale ha a sua volta emanato un avviso pubblico per la presentazione di progetti da finanziare “…a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione …”.

Una curiosità. La determina a firma del funzionario che lancia l’avviso pubblico, dà esecuzione ad una delibera della giunta municipale, guidata dal sindaco Aquino, adottata lo stesso giorno della delibera e dichiarata immediatamente esecutiva, con la quale si dava mandato al servizio in questione d’individuare “…tramite manifestazione d’interesse da pubblicare sul sito web dell’Ente, i soggetti interessati accoglienza nella rete SPRAR (sistema di protezione per rifugiati e richiedenti asilo) ai minori stranieri non accompagnati, fissando il termine per la presentazione delle offerte per il primo di settembre pertanto a distanza di appena 5 giorni”.

Bambini scelti come fossero merce? La determina in questione sceglie anche i futuri ospiti da accogliere: “… Ritenuto opportuno, visto il contesto sociale di riferimento, limitare il numero massimo dei posti di accoglienza a n. 12 e preferibilmente nella fascia d’età da 8 a 14 anni…”

Nella tranquilla Patti, quindi, centro di circa 13.000 abitanti, a breve potrebbe avviarsi un centro che avrà sul territorio un impatto sociale non indifferente. Una scelta prima di tutto politica che la giunta avrà certamente ponderato accuratamente.

Una decisione che non piace a “Noi con Salvini”, che annuncia una interrogazione parlamentare con il segretario nazionale e coordinatore in Sicilia Angelo Attaguile, fresco d’ispezione al Cara di Mineo assieme al leader Matteo Salvini, e prende le distanze dalla decisione della giunta con il responsabile del movimento nella provincia di Messina, l’avv. Fabrizio Trifilò : “Anche l’amministrazione della città di Patti agevola con questa iniziativa quella sostituzione di popoli che è in atto ormai da parecchio tempo in Italia. Gli amministratori comunali", aggiunge Trifilò, "dimostrano ancora una volta di non essere in grado di sfruttare le potenzialità turistiche ed economiche del nostro territorio e per questo si concentrano sul business dell’immigrazione dove, grazie all’accoppiata Renzi/Alfano, è molto più semplice ottenere finanziamenti. Ritengo che il Consiglio comunale e la popolazione debbano reagire ad una siffatta scellerata iniziativa, che costituisce una ipoteca sul nostro territorio".

"Noi faremo di tutto", preannuncia Trifilò, "per evitare che anche Patti sia invasa dagli immigrati clandestini, che il più delle volte non scappano da alcuna guerra e pertanto non possono ottenere quello status di profugo che li legittimerebbe a rimanere in Italia. Questa gente sicuramente va aiutata ma nelle loro terre. È una grande ipocrisia dell’Occidente e dell’Europa", conclude l’avv. Fabrizio Trifilò, "quella di andare nelle loro terre a bombardare le loro città per fare business e poi consentire loro di invadere le nostre città per continuare a fare business. Questo flusso migratorio va fermato ma non con l’accoglienza che invece produce l’effetto opposto ma con politiche estere di pace e non di guerra che l’Europa e l’America continuano ad alimentare”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU