il mancato sequestro di scoglitti

Espulso l'indiano che voleva rapire una bambina. Ma Alfano la racconta a modo suo

Ram Lubhay era in realtà già destinatario di un decreto di espulsione dall'Italia emesso dal questore di Ragusa, scaduto il 23 agosto, nonché di un precedente decreto che non era stato fatto rispettare

Redazione
Espulso l'indiano che voleva rapire una bambina. Ma Alfano la racconta a modo suo

Espulso l'indiano che aveva tentato di rapire una bimba nel ragusano. Niente carcere, ma...meglio di niente, visto come vanno le cose in Italia e dato che l'uomo era stato arrestato e rilasciato due volte, a seguito dei ripensamenti del giudice. Esulta Alfano, che dichiara: "Abbiamo espulso dal territorio nazionale il cittadino indiano, Ram Lubhaya, che il 16 agosto scorso si era reso responsabile, a Scoglitti, in provincia di Ragusa, del tentato sequestro di una bambina di età inferiore ai 14 anni".

"Lo straniero, lo scorso 24 agosto, a seguito di un decreto di trattenimento emesso dal Questore di Ragusa, era stato accompagnato all’interno del C.I.E. (Centro di Identificazione ed Espulsione) di Pian del Lago a Caltanissetta. Martedì, con un volo decollato da Roma Fiumicino e diretto a New Delhi, il cittadino indiano è stato riaccompagnato al suo Paese”, ha ribadito il ministro dell’Interno (allora, quando vogliono, le espulsioni si possono fare. Altro che foglio di via in mano, con la preghiera di allontanarsi "cortesemente").


Con il tono enfatico di quando annuncia la (rara) cacciata di qualche imam, e glissando sul fatto che il caso aveva destato l'indignazione generale, con prese di posizione particolarmente accese sui social network nei confronti del pm che stava seguendo la delicata faccenda, Alfano ha poi ribadito: "Abbiamo ritenuto, dunque, necessaria questa espulsione perché questo cittadino indiano ha leso la pacifica convivenza della nostra società. Soggetti che si rendono responsabili di simili comportamenti sono arrestati o espulsi dal nostro territorio''.


In realtà non è così, e Alfano dice una bugia, visto che Ram Lubhay (che si diceva "minacciato" e che aveva sporto querele, forse sperando di farla franca come sin troppo spesso succede a casa nostra), era già destinatario di un decreto di espulsione dall'Italia emesso dal questore di Ragusa, scaduto il 23 agosto, nonché di un precedente decreto di espulsione (che non era stato fatto rispettare) per i suoi precedenti penali: furto di rame e traffico di droga. Ma pazienza, l'importante è che se ne sia andato (e che non torni), chiudendo così una vicenda che lascia l'amaro in bocca.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU