arresti a crotone

Menavano gli ospiti della casa-famiglia. Manette per due

Nuovi arresti per i maltrattamenti commessi nel centro di accoglienza San Francesco e Santa Maria, gestito dall'associazione Opus onlus. Cibo scarso, sberle, umiliazioni e torture psicologiche ai danni degli inquilini

Redazione
Menavano gli ospiti della casa-famiglia. Manette per due

Foto ANSA

Alla faccia della "casa-famiglia". C'erano botte della malora, per gli anziani ospiti. E guai a parlarne o a ribellarsi. E così, sono scattati nuovi arresti per i maltrattamenti commessi nella casa famiglia denominata 'San Francesco e Santa Maria', gestita dall'associazione Opus onlus. Lunedì mattina le Fiamme Gialle della compagnia Guardia di Finanza di Crotone hanno dato esecuzione ad un'altra ordinanza emesso dal gip Michele Ciociola, che prevede la misura dell'arresto domiciliare nei confronti di due persone e quella del divieto di dimora nella provincia di Crotone nei confronti di un'altra.


I tre, coinvolti a vario titolo nella gestione e amministrazione della struttura, secondo quanto appurato dalle indagini coordinate dal sostituto procuratore, Gaetano Bono, avrebbero responsabilità per atti lesivi dell'integrità fisica e morale nei confronti di alcuni ospiti della struttura di ricovero: percosse fisiche, umiliazioni e vessazioni di natura psicologica e tentativi di inquinamento delle prove. Le misure cautelari disposte si aggiungono ai tre arresti, eseguiti alcuni giorni fa nei confronti della responsabile della struttura e di due operatori, nonchè al sequestro della struttura stessa. Uno dei destinatari della misura degli arresti domiciliari risulta, allo stato, irreperibile.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo

Cocaina a Milano, 210 anni a trafficanti
stroncato il traffico dei figli del boss Loiero

Cocaina a Milano, 210 anni a trafficanti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU