la denuncia dei pentastellati

Referendum, il PD s'intasca mezzo miliardo di euro. Grillini e Codacons sulle barricate

I 5stelle: "Il Partito Democratico mente sapendo di mentire. Afferma che la revisione della Carta taglia i costi della politica, ma poi si intasca i 500.000 euro di denaro pubblico destinati al loro comitato del Sì"

Alfredo Lissoni
Referendum, il PD s'intasca mezzo miliardo di euro. Grillini e Codacons sulle barricate

"Con la riforma costituzionale il PD rende gli italiani cornuti e mazziati. Infatti, mentre da una parte mente sapendo di mentire, affermando che la revisione della Carta taglia i costi della politica, dall'altra si intasca i 500.000 euro di rimborsi, denaro pubblico, che sono destinati per legge al loro comitato del Sì che ha raccolto le firme per l'indizione del referendum popolare. La cosa più grave è che non c'era neanche bisogno di raccoglierle in quanto il referendum si sarebbe svolto lo stesso dato che, come prevede la Costituzione all'articolo 138, un quinto dei deputati ne aveva già fatto richiesta". Lo affermano in una nota congiunta i parlamentari M5S di Camera e Senato.


"Gli esponenti del PD", proseguono i pentastellati, "sono talmente sfacciati che hanno indicato, come responsabile tecnico del comitato, il dirigente PD di lungo corso, Maurizio Chiocchetti, alla faccia degli italiani e dei risparmi promessi dal trio Renzi-Boschi-Verdini. Il comitato del bastaunsì non è neanche stato capace di trovare 10 ragioni per convincere i cittadini a votare Sì, fermandosi appena a sei, ma è riuscito a mentire sui risparmi della riforma, ignorando o non conoscendo la stessa nota della Ragioneria dello Stato, ente governativo, che il 28 ottobre 2014 parlava di 57,7 milioni di effettivi risparmi, a dispetto dei loro 500 milioni, cifra letteralmente sparata a caso.


"Dulcis in fundo", proseguono i grillini, "la ciliegina sulla torta, è rappresentata dalla clamorosa ammissione del fatto che se ne siano sempre lavati le mani della partecipazione popolare, quando affermano che 'quasi nessuna legge di iniziativa popolare arriva a essere discussa'. Siete voi del PD che siete al governo e che avete la maggioranza in Parlamento. Quindi se tutte le leggi d'iniziativa popolare, fino ad oggi, sono state insabbiate o dimenticate in qualche cassetto del Parlamento, significa che ve ne siete sempre infischiati del principio della sovranità popolare e della conseguente volontà dei cittadini".


Ma già settimana scorsa il Codacons aveva presentato un'istanza alla Corte dei Conti e all'Ufficio di Presidenza della Camera, chiedendo che venga fatta luce una volta per tutte "sui rimborsi spettanti ai comitati referendari". Che beccano dallo Stato un'euro per ogni firma raccolta. Quindi, nel caso del raggiungimento del minimo richiesto, le 500.000 firme, mezzo milione di euro. "Una forma di finanziamento pubblico che rimborsa quei partiti politici che hanno fatto di questo strumento un cavallo di battaglia". Se l'istanza dovesse venire accolta, per il PD si prefigurerebbero tempi duri...

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU