Invasione programmata

Affiliato all'Isis conferma: dietro il traffico di clandestini ci sono i terroristi islamici

Il tunisino arrestato a Caserta esaltava sui social gli attentati firmati dai tagliagole. Anche altri indagati confessano sul traffico di documenti falsi

Redazione
Affiliato all'Isis conferma: dietro il traffico di clandestini ci sono i terroristi

Un fermo immagine dal video dei Ros. Foto ANSA

Ennesima conferma dei legami tra terrorismo islamico e traffico di clandestini. Lunedì 8 agosto ha accettato di rispondere alle domande del Gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) il 41enne tunisino Mohamed Kamel Edine Khemiri, arrestato venerdì dai carabinieri del Ros perché ritenuto a capo di un'associazione che avrebbe fornito a numerosi stranieri permessi di soggiorno sulla base di documenti falsi, compresi matrimoni fittizi e falsi contratti di lavoro. L'uomo, che ha ammesso di gestire il traffico di documenti, è indagato anche dalla Procura di Napoli per terrorismo internazionale, in quanto considerato vicino all'Isis, soprattutto a causa del suo attivismo sui social network.

È proprio sui social che oltre a esaltare gli attentati dei terroristi dello Stato Islamico, ha fatto propaganda antisemita: per tale contestazione la Procura antiterrorismo partenopea ha emesso un avviso di conclusione indagini e Khemiri ha ora venti giorni per decidere se rendere l'interrogatorio o attendere la probabile richiesta di rinvio a giudizio. L'uomo, che per gli inquirenti era pronto a diventare un "jihadista solitario", viveva al piano superiore della moschea di San Marcellino, la più grande del Casertano. Con Khemiri sono stati sentiti anche gli altri indagati, quattro dei quali arrestati con lui nel blitz di venerdì; anche loro avrebbero fatto importanti ammissioni sul giro di documenti falsi messo in piedi dall'organizzazione terroristica con lo scopo di fornire dei veri permessi di soggiorno, ognuno dei quali costava ai beneficiari 600 euro.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU