Avidità contemporanea

Fedez e J Ax? Bulli col Rolex

Surreale la storia del Sio Cafe di Milano, minacciato legalmente dai due rapper

Andrea Lorusso
Fedez e J Ax? Bulli col Rolex

Foto panorama.it

Nelle canzoni si professano ragazzi di strada, cresciuti in periferia, rimasti legati alle radici popolari senza invischiarsi nello star system. Ma se le prove date negli anni d’incoerenza tra ciò che cantano e ciò che fanno non bastassero, arriva la sconcertante azione intimidatoria che J. Ax e Fedez hanno intentato nei confronti di un locale milanese.

Siamo in Zona Bicocca, il Sio Cafe (http://www.siocafemilano.com/) è un rinomato discopub che organizza serate, tra musica e ristorazione. Dopo avere condiviso su Facebook un fotomontaggio dei due artisti in modalità Zoolander, si è visto recapitare una richiesta di 100mila euro di risarcimento per vie legali con questa motivazione: “Chiaro contenuto commerciale e promozionale altamente lesivo dell’immagine e del nome.” Abbiamo deciso di ricostruire per bene la storia, parlando direttamente con Mario, il proprietario del locale.

Mario Sio, cosa è accaduto di preciso?

Dopo avere condiviso un fotomontaggio sulla nostra pagina Facebook (https://www.facebook.com/siocafe/?ref=ts&fref=ts) di Fedez e J Ax che circolava liberamente in rete, relativo ad un litigio intercorso tra loro ed altri rapper (Guè Pequeno e Marracash, ndr), abbiamo ricevuto dagli avvocati una richiesta a mezzo pec, per un risarcimento di 50mila euro a testa, in totale 100mila euro, con addotte ridicole motivazioni promozionali.

Una telefonata, prima di arrivare all’intimazione scritta?

Sarebbe d’uopo e di ovvia cortesia, come sempre accade. Invece no, abbiamo ricevuto direttamente comunicazione scritta. In seguito ho contattato i legali per maggiori delucidazioni.

E come è andata?

Ho spiegato una situazione che per noi era ovvia, non c’erano neanche contenuti lesivi nei nostri commenti, anzi, abbiamo scritto: “Top Rapper, Top Dj”. Infatti i loro avvocati, resisi conto dell’assurdità della richiesta, hanno portato a 5mila euro cad.uno il presunto indennizzo economico.

Wow. Sconto immediato del 90%, avete accettato?

Non è mica finita così. Abbiamo pubblicato sulla nostra pagina Facebook la “minaccia” legale e dopo che il caso è montato sui giornali, ci hanno proposto di chiudere la storia senza risarcimento alcuno!

Ma come, sparito l’orgoglio degli artisti feriti?

A patto però, che cancellassimo tutti i riferimenti di questa storia e che ci scusassimo per avere “approfittato” della situazione. Ovviamente, io ho una dignità ed un rispetto per i miei clienti ed il pubblico, avrebbero potuto pensare fosse tutto uno spot, un accordo commerciale, quindi ho ringraziato i legali ed ho deciso di proseguire per via giudiziaria. Sarà un giudice a decidere chi ha torto e chi no.

A me pare una sorta di bullismo musicale...

Giuro, non l’ho fatto per promozione. Anche perché siamo un locale di medie dimensioni, non abbiamo denaro da spendere in intricate cause. Tra discoteca, pub e bar il Sio Cafè totalizza 800 mq in tutto, in vent’anni di attività non mi è mai capitata una cosa simile. Ammazzano il mercato.

In ogni “impresa” c’è una giusta ricetta, no?

La qualità è l’unica cosa che conta. Se ti servo un piatto di filetto, posso metterci decine di contorni decorativi, puoi valutare il cameriere, il servizio, ma poi tirando le somme: Com’era ciò che hai mangiato?

C’è un appello che vorresti fare?

Non c’è niente di più bello dell’umiltà. Bisogna far parlare di sé per la produzione musicale, per i bei pezzi, non per lo stile di vita, i rolex, ecc. In fondo, e parlo in generale, loro esistono perché c’è gente comune che li supporta, ascolta le loro canzoni, va ai loro concerti, e nel mio caso, passa i loro brani nel locale. Pago tutto, la SIAE, compilò i borderò, è da lì che scaturiscono i loro diritti d’autore.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Era tutto vero: Macron ci scarica i clandestini
incastrati dalle foto, ora confessano

Era tutto vero: Macron ci scarica i clandestini

Juncker ce le rompe ancora: "Non favoriremo l'Italia"
"sarebbe inaccettabile per gli altri paesi"

Juncker ce le rompe ancora: "Non favoriremo l'Italia"

Ce le siamo rotte della Ue!
italexit? il 66% degli italiani dice sì

Ce le siamo rotte della Ue!

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Naike Rivelli lancia le "mutande di castità"
si sbloccano con un app di riconoscimento facciale

Naike Rivelli lancia le "mutande di castità"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU