visto da un cattolico

Ancora buonisti con i terroristi?

Un politico di buon senso comprenderebbe che una clandestinità conduce all’illegalità, ai soprusi ed abusi, perché senza lavoro onesto e alloggi dignitosi si delinque, si ruba, si spaccia

Piero Mantero
Ancora buonisti con i terroristi?

Abbiamo lasciato alle spalle un insanguinato anno 2016 e già ne iniziamo uno nuovo all’insegna del terrorismo, quasi sempre di matrice islamica! Come, appunto, nella discoteca di Istanbul quartiere europeo, dove si stavano divertendo molti giovani occidentali speranzosi che il 2017 avrebbe portato per loro prospettive di vita positive. Invece, per molti, la vita è stata spezzata da un lucido esecutore nonché terrorista islamico, ancora una volta brindando al Bar. 'Sto Allah akBar (“Dio è il più grande”) se ispira tutti questi massacri dimostra una visione del divino piccola e misera, inventata dagli uomini assatanati, malati e pazzi che credono nella distruzione e nella morte!


Perché i musulmani seri, o meglio, quelli che non si riconoscono in tali eventi, non esorcizzano con preghiere pubbliche e dichiarazioni congiunte tra comunità di fedeli le porcate perpetrate a nome del loro Dio? Questo loro silenzio cosa significa? Paura dell’Isis, accettazione dello stesso, compromesso con il mondo dei potentati arabi che, sotto sotto, finanziano e mirano a conquistare con la cultura e la forza il vecchio continente europeo? Siamo considerati degli infedeli, non amano la nostra cultura, però ci vogliono sostituire, come tanti Imam spudoratamente affermano. Essi puntano alle nostre terre, alle nostre città, alle nostre donne, piano piano da un lato e con la forza della paura dall’altro.


L’esodo dei barconi che poggia il suo esistere sulla balla dei tanti poveretti fuggiti dalle guerre, che tra l’altro alimenterebbero gli stessi fanatici nonché terroristi “purificatori”, è stato il geniale cavallo di Troia per far arrivare in Europa alcuni milioni di “rifugiati”, guarda caso a stragrande maggioranza islamica, affinché i leader della programmata conquista possano contare su un terreno fertile. Quanti giovani e forti inesorabilmente senza lavoro saranno pronti ad essere reclutati e ben pagati per colpire gli inetti occidentali, così tanto buonisti con i terroristi potenziali?! Secondo l’intelligence europea almeno 1.000 terroristi sarebbero addirittura dentro i confini dell’Unione Europea. E questi a loro volta potrebbero assoldare nuovi adepti, delusi dall’accoglienza o già sbarcati con intenzioni di conquista.


Dopo l’amaro Amri (Anis, il terrorista di Berlino che giunse in Italia proprio usando un barcone! Soltanto la Simona Malpezzi in prima serata a Rete4 lo ignorava...) tunisino ucciso da un bravo poliziotto che, tra l’altro, vive a pochi chilometri da casa mia, in quel di Sesto San Giovanni comune tra i più degradati d’Italia a giudicare dai servizi giornalistici recenti, chissà quanti ne avremo salvati, futuri nostri carnefici? Forse, pare, sussurriamolo, non si sa mai, con il nuovo Ministro dell’Interno, Marco Minniti, che le cose stiano per cambiare.


Noi populisti che amiamo la patria, le nostre terre, che stiamo dalla parte delle famiglie italiane, che auspichiamo maggior sicurezza per le vie delle città e che speriamo in quartieri vivibili ne prendiamo atto con soddisfazione. Sempre in attesa che le parole e gli scritti governativi trovino riscontro nella realtà. Del resto non ci voleva un uomo di scienza, ma un politico di buon senso sì, per comprendere che una clandestinità spinta inevitabilmente conduce all’illegalità, ai soprusi ed abusi, alla violenza peggiore, perché senza lavoro onesto e alloggi dignitosi si delinque, si ruba, si spaccia eccetera. Anche papa Francesco, presumibilmente meglio informato, si sta rendendo conto che un’accoglienza disordinata non solo alimenta scontri razziali, ma apre il territorio a pericolose guerriglie.

Una parte della chiesa comunque, anti-populista, palesa scarsa visione della realtà come dimostrano i tanti episodi negativi accaduti nei giorni di Natale: niente presepi in certe scuole o, addirittura, la soppressione pare della canzone “Astro del ciel”, per non offendere altre religioni. E mentre ad Istanbul tanti innocenti venivano massacrati a causa di un certo fanatismo religioso, a Ravenna la curia finanziava una processione di pellegrini cattolici con meta la moschea! “Astro del ciel” - Allah akbar, due gridi, due modi di intendere, l’amore e l’odio.

“Apriremo Roma con il fuoco!” proclamano molti sostenitori di Maometto. Ed in questi giorni abbiamo visto una Roma blindata, impaurita. E quanto ci costa a noi cittadini questa sicurezza parziale? Le tasse volano non solo per salvare le banche, ma per la sicurezza del territorio e per farne entrare ancora... da sfamare... giovani alti e forti mantenuti alle spalle degli stanchi lavoratori italiani. “Ne abbiamo già fatti entrare troppi!” grida la gente, in Italia ed in Europa, ed i risultati son questi: capodanno blindato, prossima Pasqua sotto ferreo controllo, l’estate tanto attesa che spiagge ci proporrà... Navi in assetto da guerra al posto dei pedalò...? La scellerataggine politica di questi ultimi due o tre anni è sotto gli occhi di tutti. Il cavallo di Troja dell’islam fanatico lo abbiamo fatto accomodare, nutrito e riverito... follia pura! Quanto ci ridono dietro i diretti interessati...

Ma è un cavallo che non si accontenta della biada, mica vogliono carrube... gli scalpitanti fuggiaschi da guerre fantasiose, esigono buon cibo, bei vestiti, wifi, donnette a buon mercato, camere d’albergo con servizio di pulizia incluso ecc. La parola lavoro nel loro dizionario si trova dopo la lettera zeta. Certo non arrivano dalle terre d’oriente come i magi; del resto non sono neanche re e pare, che di rifugiati veri, ve ne siano davvero pochini. Vi sembra normale che l’Italia, meridione d’Europa, con i suoi diversi milioni di poveri, debba mantenere un altro milione circa di clandestini che mai hanno lavorato da noi (quindi mai hanno prodotto per questo Paese)?

La domanda è rivolta ovviamente ai signori che ci governano attualmente, ai capi delle chiese buoniste che predicano senza conoscer bene la realtà ed a quei colleghi giornalisti, altolocati, che sbandierano verità annacquate da pseudo astemi di osteria sotto casa a vantaggio di padroni che hanno tutto l’interesse ad avere in futuro mano d’opera a basso costo, senza considerare altre forme di commercio vomitevoli che si celano dietro il traffico di esseri umani. Questo giro di miliardi è in grado di trasformare persino le navi militari in servizio taxi gratuito con sola andata ovviamente, coste libiche-coste italiane, tutto compreso. Caro ministro Minniti, almeno lei ci dimostri che un italiano vero ancora c’è nel nostro bel Paese (delle meraviglie... per gli altri). Ma solo le chiedo una cosa: basta essere buonisti con i terroristi potenziali. Prevenire è meglio che curare o no?

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Facebook come Renzi: censura l'arte classica italiana
da bollino rosso la mostra di sgarbi

Facebook come Renzi: censura l'arte classica italiana

Non ci son soldi, calano le casalinghe
donne in cerca di lavori umili

Non ci son soldi, calano le casalinghe

Gemelli: una coppia totalmente unica
psicologia dell'individuo

Gemelli: una coppia totalmente unica


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU