terrore a Vignola

Due rom tentano di rapirgli la figlia di sette mesi. Lui reagisce a calcioni

Mentre il padre preparava il seggiolone, le donne avrebbero preso di mira il passeggino con la piccola

Redazione
Zingare tentano di rapire bimba di 7 mesi

Foto ANSA

Uno degli incubi peggiori per un genitore stava per diventare una drammatica realtà, a Vignola, nella provincia di Modena. A raccontare quanto accaduto è Simona Uguzzoni, mamma di una bambina di soli 7 mesi, che insieme al marito nelle scorse ore si è presentata dai carabinieri per sporgere una denuncia sul presunto tentativo di rapimento della sua bambina.

"Due zingare hanno tentato di sottrarre mia figlia dal passeggino", ha denunciato su Facebook e, con la voce ancora colma di angoscia, racconta la terribile sequenza di eventi. Afferma che, in pieno pomeriggio, il marito era uscito di casa nei pressi della stazione delle corriere con la piccolina, e stava per salire in auto, quando ha appoggiato l’ovetto a fianco della vettura per aprire la portiera e metterla a bordo.

Non appena però ha appoggiato a terra il seggiolino, è sbucata una donna con un fazzoletto legato in testa che ha iniziato a parlargli in un italiano molto stentato e di difficile comprensione. Questione di pochi secondi e ha visto con la coda dell’occhio un’ombra a lato della vettura. Si è girato di scatto, e infatti, c’era un’altra donna, anch'essa col foulard sulla testa, chinata sulla bimba che manovrava sul seggiolino, come per aprire la cintura. La sua netta sensazione del marito, continua la donna, è che stesse cercando di sottrarre la bimba dall’ovetto.

La reazione dell’uomo è stata immediata
. Con un calcio ben assestato ha respinto la rom e poi si è precipitato sulla piccola per vedere come stesse. "Visto che fortunatamente andava tutto bene, ha caricato nostra figlia sull’auto ed è partito alla ricerca delle donne", prosegue tormentata la signora Uguzzoni. Le due donne, sembra, si siano dileguate nel giro di poco, come volatilizzate. L'uomo ha cercato anche nei paraggi se vi fosse qualche vettura riconducibile alle due, ma niente da fare.

Il fatto è stato subito segnalato alle forze dell’ordine e nelle scorse ore la famiglia ha presentato una regolare denuncia ai carabinieri. Tanti puntano il dito contro il luna-park aperto in questi giorni, ma per la madre della piccola, che conosce i gestori, sono persone venute da fuori per cercare di approfittare della situazione di caos in paese.

"Ora ogni volta che esco di casa con mia figlia, ho il terrore che possa accadere di nuovo, e questo non è giusto. Noi cittadini abbiamo il diritto di non sentirci e vivere in costante pericolo"
, conclude l'angosciata madre.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Milano, mignotte "China" addio
giro di vite sui bordelli cinesi

Milano, mignotte "China" addio


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU