GOMORRA DEL NORD

Boss lomellini: nelle intercettazioni spunta un magistrato

L'operazione "Cave Canem" ha portato all'arresto di 24 persone e 56 denunce per reati come spaccio di droga, rapine, traffico d'armi, estorsioni ed incendi. E si scoprono inquietanti retroscena

Fabio Montoli
Boss lomellini: coinvolto anche un giudice di pace

Prende il nome dal famoso mosaico di Pompei "Cave canem", letteralmente "attenzione al cane", l'operazione condotta giovedì 7 dai Carabinieri e coordinata dalla Procura della Repubblica di Pavia, contro la criminalità organizzata a Pavia. Una banda dedita a traffico d'armi, estorsioni, rapine, spaccio di stupefacenti e incendi mirati ad intimidire e punire, è stata individuata al termine di una indagine condotta dai militari dell'arma. L'operazione dei carabinieri di Vigevano "Cave canem" è stata così chiamata perchè in un'intercettazione i malavitosi indicavano i carabinieri con l'appellativo di "cani". La banda, ispirandosi ai personaggi criminali di una fiction televisiva, sottolineano gli investigatori, non hanno esitato ad esaltare il loro programma criminale, anche con un video musicale "rap" postato sul web. Il filmato in cui si inneggia a "la fresca, la lama e la Beretta Px" è ancora disponibile in rete: quasi tutti i giovani ripresi in quelle immagini sono ora in carcere.


Sono 56 le denunce e 24 le ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettante persone, eseguite tra Vigevano, Gambolò, Garlasco, Alagna, Cassolnovo, Gravellona Lomellina, Torre d'Isola e Buccinasco, appartenenti a vario titolo di un'associazione per delinquere finalizzata al traffico di armi e alla commissione di estorsioni, incendi, attentati dinamitardi, danneggiamenti, rapine e altri reati contro il patrimonio in genere. Gli appartenenti all'associazione, ben radicati sul territorio lomellino, fanno sapere gli investigatori, negli ultimi anni non hanno esitato ad armarsi con l'intento di trasformarsi da giovani malavitosi a boss di spessore ottenendo il pieno controllo del territorio sulla città di Vigevano e, più in generale, di tutto il territorio circostante.


L'episodio, che avevamo già anticipato giovedì, si è "colorato" di nuovi sviluppi. Nell'elenco degli arrestati compare anche il padre della ragazzina dodicenne che, la sera del 28 giugno scorso, a Dorno, ha assistito all'assassinio della madre da parte del suo nuovo
compagno, per una vicenda che non ha nulla a che fare con questa indagine. È emerso inoltre che uno dei capi, Massimo Merlin, intratteneva uno stretto rapporto con un giudice di pace, che, nelle intercettazioni, si rivela spesso affascinata dai racconti degli episodi violenti che l'uomo le narrava dopo averli commessi. L'organizzazione disponeva di un arsenale composto da almeno 27 armi da fuoco, tra pistole e fucili.


Nel corso dell'esecuzione delle misure cautelari e delle conseguenti perquisizioni ne sono state sequestrate un'altra decina. Le contestazioni comprendono 14 episodi di cessione, detenzione o porto illegale di armi, 21 incendi dolosi, di cui 5 a fini estorsivi, 14 per danneggiamento e 3 per perpetrare truffe ai danni di assicurazioni, 6 danneggiamenti di cui 3 a fini estorsivi, 5 estorsioni, 14 furti ad abitazioni ed esercizi commerciali, 3 tentativi di rapina, numerose truffe a compagnie assicurative mediante falsi incidenti stradali. In particolare un'estorsione ai danni del vicepresidente di una cooperativa di servizi di Vigevano, con un attentato dinamitardo davanti alla sua abitazione e l'incendio dell'auto della compagna, ha portato l'uomo ad un livello di disperazione tale che due mesi dopo, nel giugno 2015, si è ucciso impiccandosi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

"Vogliamo fare i poliziotti"
Parla Massimiliano Pirola, esponente del SAP di Milano

Tutele zero per noi poliziotti

Milano: senzatetto tra paura e gelo
Milano: senzatetto sempre più a rischio aggressioni in balia di notti gelide

Senzatetto: "Dormitori sporchi, meglio la strada anche se abbiamo paura"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU