I cecchini hanno colpito di spalle

Guerra razziale a Dallas: trucidati cinque poliziotti

La veglia contro l'uccisione di due afroamericani si è trasformata in un bagno di sangue. Il commando ha colpito gli agenti alle spalle sparando dall'alto. Tre persone fermate, un sospettato si è suicidato

Marco Dozio
Guerra a Dallas, cinque poliziotti assassinati da cecchini

Foto ANSA

Come in guerra. Cinque poliziotti morti, sei feriti. Colpiti da un gruppo di cecchini entrati in azione ieri sera a Dallas, durante una manifestazione contro le violenze della polizia. La veglia contro l’uccisione di due afroamericani in Louisiana e Minnesota è degenerata in una strage, il cui bilancio di sangue è ancora provvisorio. Secondo le prime ricostruzioni, due persone avrebbero compiuto l’agguato sparando dai palazzi attorno alla strada dove si svolgeva il corteo. E colpendo alle spalle gli agenti che si trovavano su un piano rialzato.


Il fuoco incrociato, una dozzina di poliziotti cade a terra, quattro morti sul colpo, il quinto nella notte in ospedale. La polizia ha assediato per ore un garage dove si era asserragliato un sospettato, che poi si è suicidato. Non prima di aver minacciato altri attacchi, sostenendo di aver piazzato bombe “ovunque”. Sono scattati i controlli, la ricerca di esplosivi si è estesa in tutta la città. Dopo la sparatoria sono intervenuti gli Swat, le squadre anti-terrorismo della polizia che hanno ingaggiato un conflitto a fuoco con i cecchini. Al momento risulterebbero fermate tre persone, una donna che si trovava in prossimità del garage e due uomini a bordo di una Mercedes scura. È la più grave strage di poliziotti nella storia recente degli Stati Uniti.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU