ACCOGLIENZA E COERENZA

Immigrati, per il don vanno aiutati a casa loro

“I profughi vanno accolti senza esitazioni. Ma sono solo il 10% di tutti quelli che arrivano". Parola di sacerdote

Alfredo Lissoni
Immigrati, per il don vanno aiutati a casa loro

Accoglienza sì, ma con la testa. "Gli altri sono immigrati di fatto clandestini su cui abbiamo delle riserve. Bisognerebbe cercare di aiutarli nei loro Paesi”. A dirlo è don Canuto Toso, fondatore dell’associazione Trevisani nel mondo.  Il reverendo non ha dubbi: “Come si fa ad accogliere tutti? Bisogna accogliere, ma con responsabilità e pianificando il futuro; sappiamo quanto può soffrire chi scappa da violenze e da gruppi come l’Isis, ma sappiamo anche che altri vedono la televisione che racconta l’Italia come una terra ricca e poi si illudono. Se gli sbarchi continuano dove li mettiamo? In questo modo viene avanti anche l’Islam”.

 

Non lo si accusi di razzismo o di egoismo. Di don Canuto il sito ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana scrive: “Direttore Diocesano Migrantes a Treviso per tanti anni, don Canuto Toso è autentico pioniere in Italia della pastorale per i migranti. Alla sua appassionata dedizione per gli italiani all’estero dagli anni ’80 ha aggiunto un altrettanto appassionato e coraggioso zelo per gli immigrati presenti in modo così massiccio in Provincia di Treviso fa farla diventare la prima in assoluto per presenza etnica fra le province del Triveneto e una delle prime anche a livello nazionale. La Migrantes, assieme ai suoi con diocesani, si complimenta cordialmente con Monsignor Canuto per l’alta onorificenza di cui è stato insignito dal Santo Padre e gli è profondamente riconoscente perché, nonostante la sua età (è nato nel 1931) continua anche a nome della Migrantes nazionale a tenere i contatti con i nostri emigrati e a far loro visita anche nelle lontane Americhe”.

 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Rubano in casa del prete. Che li maledice via Facebook
qualche volta tocca anche ai buonisti

Rubano in casa del prete. Che li maledice via Facebook


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU