9 novembre: l’inizio della fine, crollo del muro di Berlino

1989: dopo la libertà, riprendiamoci la famiglia!

A trent’anni dall’abbattimento del muro di Berlino, siamo parecchio immersi in quella nuova dittatura “che ci chiede l’Europa”. Che disarticola anzitutto la "cellula fondamentale della società"

Giuseppe Brienza
1989: dopo la ibertà, riprendiamoci la famiglia!

Nel numero di novembre della rivista mensile “il Borghese”, il giornalista e scrittore Marcello Veneziani ha dedicato la sua rubrica Electro shock. Per guarire dalla follia del politicamente corretto al 30° anniversario dell’abbattimento del Muro di Berlino. A partire dalla data d’inizio della fine dell’imperialismo comunista sovietico, il 9 novembre 1989, molti Paesi hanno riconquistato effettivamente la libertà. Assieme a questa, però, in Occidente ci è arrivata una dittatura non meno insidiosa, quella del relativismo, come l'ha chiamata Benedetto XVI. E così la famiglia e i bambini sono diventati spesso le prime vittime del “nuovo disordine mondiale”.

Dal punto di vista prettamente storico-geopolitico è vero quanto ha scritto Veneziani nel suo editoriale intitolato “Cadde un mondo, non un muro”, vale a dire che nelle due distruzioni a date invertite (cioè 9/11 e 11/9), quindi nella caduta del Muro di Berlino nel 1989 e in quella di dodici anni dopo delle Torri gemelle di New York, vanno individuati "due eventi che non hanno all’apparenza alcun nesso, ma alludono a due mutamenti di paesaggio connessi: con il muro di Berlino cadde il bipolarismo tra est e ovest, ovvero tra Usa e Urss; con il crollo delle due torri è sancito il nuovo bipolarismo tra nord e sud, ovvero Occidente-Islam o se si preferisce, nord-sviluppato e sud-terzo mondo. Su quel duplice crollo regge e sprofonda al tempo stesso, il nuovo ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti. Il terzo millennio non è nato su atti di fondazione ma su due distruzioni. Gli eventi simbolici spiegano i movimenti profondi della storia e le loro abissali ragioni".

Per richiedere una copia-omaggio o l’abbonamento annuale alla rivista diretta da Claudio Tedeschi si può scrivere una mail a luciano.lucarini@pagine.net.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Regione Lombardia lancia il Bando neve
rivolto a soggetti pubblici e privati

Regione Lombardia lancia il Bando neve

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!
Movimento per la vita: richiedere l’inserimento delle competenze materne nei CV

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU