il dibattito a otto e mezzo

Salvini-Boschi, la prima sfida sul referendum è infuocata

Cambiamento del Senato e poteri anche alle regioni ma anche invasione ed Etruria. Davanti al televisore oltre 2 milioni di spettatori nel primo faccia a faccia tra due giovani leader dei comitati

Alessandro Morelli
Salvini-Boschi, infuocata la prima sfida sul referendum

Una sfida accesa dal primo all'ultimo secondo con battute e sorrisi ma anche stilettate velenose da una parte all'altra che ha tenuto incollati al televisore oltre 2 milioni gli spettatori che hanno assistito ad un dibattito accesissimo sul referendum e su molti punti della politica nazionale.

Questo risultato del faccia a faccia tra la madre della riforma costituzionale, Maria Elena Boschi e Matteo Salvini, primo volto giovane per la compagine del NO che le Tv nazionali sono finalmente costrette a esporre in un dibattito di primo piano in vista del referendum del 4 dicembre.

A nuovo Senato, abolizione del Cnel e competenze delle Regioni non potevano non aggiungersi temi come lo scandalo Banca Etruria e l'invasione clandestina in atto sulle nostre coste, argomenti sui quali Salvini ha lanciato la discussione più volte. É così che mentre la ministra, dispensatrice di sguardi di intesa con l'arbitro Lilli Gruber, ha spiegato come lei sia riuscita ad approvare una riforma tanto importante in 2 anni con una maggioranza piuttosto eterogenea, Salvini ha pesantemente replicato che la prima cosa da valutare quando si parla di riforme è la credibilità di chi le ha scritte ricordando il conflitto di interesse della stessa ministra che con il governo è riuscita a risarcire un numero ridicolo di famiglie sui 60mila risparmiatori truffati dalla banca di cui il padre della stessa ministra era vicepresidente. 


Ma non solo Etruria è entrata dalla finestra del dibattito visto che alla domanda della conduttrice se il NO di Salvini abbia anche lo scopo di mandare a casa Renzi, il leader populista ha risposto: "Voterò NO al referendum perché questa è una riforma pasticciata e poi perché è l'occasione per mandare a casa Renzi e la signorina Boschi". Il ministro, che si è rivolta al numero uno del Carroccio dandogli del "giovanotto", ha obiettato che in caso di vittoria del NO tutto rimarrebbe come è ora. Il leader della Lega ha a sua volta sostenuto che "se vince il NO, seriamente si può mettere mano a una riforma con l'elezione diretta del capo del governo e con il federalismo. La Costituzione", ha concluso, "si cambia, ma in meglio e non in peggio".

"Ho l'opportunità di dire no a una riforma pasticciata e dare il benservito Renzi, quando mi ricapita un'occasione del genere per avere un Governo più serio?". Il riferimento va anche all'invasione clandestina in atto da anni a causa delle politiche del Partito Democratico, sono quasi 500mila infatti gli immigrati sbarcati sulle coste italiane e Salvini non dimentica di usare anche questa carta nel confronto con il ministro che invece punta ai temi forti della campagna a favore del sì come la presunta "abolizione" del Senato.

Alla fine i due contendenti hanno trovato un solo punto in comune: il tifo per il Milan, tanto che Salvini ha invitato la ministra alla prossima sfida tra i rossoneri e la Fiorentina a San Siro.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo

Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Sicilia, Musumeci al 42%. La Sinistra si mangia le mani
il candidato di centrodestra vola nei sondaggi

Sicilia, Musumeci al 42%. La Sinistra si mangia le mani


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU