Violenza islamica

Musulmano gonfia di botte la figlia nel mantovano perché è troppo occidentale

Il marocchino, ossessionato dalle imposizioni coraniche, ha fatto scappare di casa la moglie e picchiato la ragazza 21enne, il fratello e due vicini di casa

Redazione
Musulmano gonfia di botte la figlia nel Mantovano perché è troppo occidentale

Musulmano e donne col burqa. Foto ANSA

La tensione era ormai salita alle stelle in quella famiglia di origine marocchina, residente nel Mantovano da diversi anni, dopo che la madre dei due ragazzi, esasperata dal fanatismo del marito, se n'era andata. Nella serata di domenica 4 settembre in quell'appartamento di Rodigo, in strada Tezzone, padre e figlia hanno cominciato a discutere e nel giro di poco l'uomo è passato dalle parole ai fatti: è saltato addosso alla ragazza con violenza e ha iniziato a massacrarla di botte. Un vicino di casa 48enne è accorso alle grida disperate della giovane, portando con sé anche il figlio di 14 anni.

Il loro intervento non è servito a placare la furia dell'uomo, che prima li ha insultati incurante dell'invito del vicino a calmarsi e a lasciare in pace la ragazza, poi si è scagliato contro di lui e contro il figlio. Il vicino non si aspettava una reazione così violenta, e per questo non aveva chiamato i Carabinieri. A difendere la sorella è intervenuto anche il fratello minore, di 19 anni, rientrato a casa proprio mentre era in corso la lite, ma è stato lui ad avere la peggio: il padre lo ha colpito con calci e pugni. Tutti e quattro sono finiti in ospedale: i due vicini con lievi contusioni, giudicate guaribili in 3 giorni. Stessa prognosi per la ragazza, mentre il fratello guarirà in dieci giorni; l'unico a uscire illeso è stato il padre integralista.

Ossessionato dalle imposizioni coraniche, sempre più fanatico e ottuso, l'uomo aveva da tempo imbracciato una jihad personale perfino contro i suoi familiari, colpevoli ai suoi occhi di lasciarsi irretire dalle sirene degli infedeli e di vivere e vestire in modo troppo occidentale, al contrario di quanto impone la stretta osservanza degli insegnamenti di Maometto. La moglie la settimana precedente era riuscita a fuggire dall'inferno; la figlia, 21enne, non ha avuto l'occasione di imitarla e domenica è stata gonfiata di botte. Se non fossero intervenuti i due vicini di casa e il fratello minore, avrebbe potuto finire male. Sulla vicenda indagano i Carabinieri di Gazoldo, che stanno ricostruendo l'accaduto per individuare le responsabilità del violento fedele di Allah.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU