strip-tease a Padova

Nudo in piazza, gridava "Allah Akbar". Espulso (e rivestito)

Cacciato il tunisino, pluripregiudicato che, nei giorni scorsi, e in due diverse occasioni ha gridato "Allah è grande" in Prato della Valle, tra i passanti

Redazione
Nudo in piazza, gridava "Allah Akbar".  Espulso (e rivestito)

Foto d'archivio

Era sbarcato a Lampedusa nel 2011. È entrato ed uscito dal carcere più volte perché arrestato per detenzione di sostanza stupefacente a fini di spaccio oltre che plurindagato per reati contro la persona commessi anche durante la detenzione. Nel 2013 l’Ufficio immigrazione di Padova ha rigettato la sua istanza di rinnovo del permesso di soggiorno in quanto "socialmente pericoloso", notificandogli il decreto mentre era ancora detenuto in carcere. Però, Bargaoui Marouene, ventiduenne, immigrato clandestino, di origine tunisina, "stranamente" dall'Italia non se n'è mai andato. Anzi, ama girovagare, nudo, per le piazze padovane, al grido di "Allah akbar".


Certo, il Signore lo si può pregare come si vuole. Ma magari non nudi, ed in piazza. Il primo episodio risale alla sera dello scorso primo luglio, quando, verso la mezzanotte, in stato di alterazione psicofisica, si era messo a correre senza vestiti in mezzo alla gente a passeggio in Prato della Valle, in pieno centro a Padova. In quell’occasione, alcuni passanti preoccupati avevano allertato il 113 e subito dopo una pattuglia della polizia, intervenuta sul posto, aveva tentato di calmarlo per accompagnarlo in questura, ma il giovane, sempre nudo, era riuscito a divincolarsi fuggendo verso la basilica di Santa Giustina.

Dopo un inseguimento da film, lo straniero era stato bloccato e, dopo aver colpito con uno schiaffo un agente e un morso alla mano un altro poliziotto, l'immigrato tunisino, è stato denunciato, in stato di libertà, per resistenza a pubblico ufficiale e atti osceni in luogo pubblico e ricoverato in Psichiatria. Clandestino, socialmente pericoloso, psichiatrico e violento, è ovvio, e naturale, che di carcere nemmeno l'ombra.

Infatti, dopo due settimane, lo scorso 15 luglio, in piena mattinata, il tunisino ripetuto la scena. Corre completamente nudo per la principale piazza della città e urla, ancora una volta, frasi in arabo tra cui "Allah Akbar", sotto gli occhi esterrefatti dei passanti tra cui la nota attrice Eleonora Cardinale, in quei giorni a Padova per le riprese del suo ultimo film. Allertata la polizia, dopo averlo rincorso per Prato della Valle, sempre con difficoltà, gli agenti sono riusciti a bloccarlo e ammanettarlo. Il decreto è quello di espulsione. Noi, invece, lo aspettiamo per la prossima sceneggiata in piazza a Padova.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU