guardia giurata aggredita da ladro rumeno

L'INTERVISTA / "Aveva rubato del vino. Mi ha preso per la cravatta e mi ha spaccato una bottiglia in faccia"

È accaduto domenica scorsa in un supermarket di Pinerolo (TO). Tre stranieri avevano sottratto del vino pregiato e quando il sorvegliante si è avvicinato...

Alfredo Lissoni
L'INTERVISTA / "Aveva rubato del vino. Mi ha preso per la cravatta e mi ha spaccato una bottiglia in faccia"

Gianni Lo Castro, la guardia giurata aggredita da un ladro rumeno

Gianni Lo Castro è una guardia giurata; quel giorno era distaccato ad un supermercato di Pinerolo, quando è stato aggredito da un ladro rumeno, che gli ha spaccato una bottiglia di vino in faccia e poi è scappato. IlPopulista l'ha intervistato


Gianni, ci racconta la dinamica dei fatti?

È accaduto tutto domenica sera, attorno alle 18:50-19; c'erano tre rumeni, clienti abituali del supermercato, che solitamente spendono pochi euro. La cassiera si è accorta che, in una confezione di birra in cartone, avevano sostituito tre bottiglie con del vino pregiato, da 35 euro alla bottiglia.


E a quel punto cosa ha fatto?

Vista la scena, mi sono avvicinato. Ed in quel momento i tre hanno cominciato ad insultarmi, a dire di vergognarmi, che facevo schifo. Poi son passati dagli insulti alle minacce. Uno dei rumeni, per due-tre volte consecutivamente, ha fatto segno di tirarmi un manrovescio.


Ma lei ha reagito?

No, ho solo detto a uno dei tre che era lui, semmai, che faceva schifo, perché stava rubando.


Poi la storia è degenerata...

Sì, quando uno dei tre mi ha afferrato per la cravatta e mi ha spaccato in faccia una delle bottiglie di vino. Sono caduto a terra, poi mi sono rialzato, gli ho tirato un pugno e quello è scappato.


E poi cosa è successo?

L'aspetto paradossale e che gli altri due sono rimasti buoni buoni mentre chiamavo i carabinieri. Quando sono arrivati i militari ho detto loro di trattenere i due rumeni, perché erano complici dell'aggressore.


E dopo?

Nel frattempo io sono stato ricoverato in ospedale, con una prognosi di venti giorni per la rottura di uno zigomo e una ferita all'arcata sopraccigliare sinistra. Ero tutto insanguinato e sono stato medicato con dieci punti. Quando i carabinieri sono venuti ad interrogarmi, verso le 21.30, mi hanno detto che i due hanno raccontato di non conoscere l'aggressore, tuttora latitante. Secondo me invece lo conoscevano, erano entrati assieme e, quando è fuggito, uno dei due lo ha addirittura chiamato al cellulare.


Nell'attesa che venga fatta giustizia, che cosa farà se dovesse ritrovarsi in un'analoga situazione?

Spero non succeda più. Ma di sicuro valuterò cosa fare, non sono una persona che gira la faccia dall'altra parte.


Che sensazione le ha lasciato tutta la vicenda?

Amarezza. Non capisco perché dobbiamo lasciarci montare in testa da certa gente, senza un motivo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

a
intervista al direttore del Centro tedesco per gli Studi euroasiatici

Ochsenreiter: "Merkel? La donna più fidata per la palude liberale in Europa"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU