la denuncia della lega

Giunta PD di Brescia, per la festa dei kompagni trattamento di favore

Il leghista Rolfi: "Assistiamo al solito clientelismo da parte del sindaco dem. Perché solo per questa kermesse e non per le altre iniziative dell'estate bresciana?"

Redazione
Brescia, per la festa dei kompagni il PD

A destra, il leghista bresciano Fabio Rolfi

Una lunga estate calda. Così si potrebbe definire quella che la Giunta di Brescia a guida PD intende rifilare ai cittadini. E non con riferimento al Lucifero ondata-di-calura, ma ad un altro tipo di Lucifero, quello che ti scassa i timpani con la musica indiavolata a centomila decibel. Perché divertirsi è lecito, ma rompere i timpani, e anche qualcosa d'altro, a chi lavora e magari la sera vuole pure riposare, lo è assai meno.


"Onda d'Urto, volume a 100mila decibel", ha titolato la stampa locale riferendosi alla kermesse dell'omonima radio dei centri sociali, per la "Festa radio", "26ma edizione autogestita" che parte stasera. Manifestazione canora rap e hip pop che prevede, nell'area di via Serenissima, dibattiti (con l'ex brigatista rosso Renato Curcio), giochi, musica e rottura di timpani per tutta l'estate, fino al 26 (forse era il Lucifero caldo africano). Ma comunque anche questi hanno l'Africa nel cuore. 

Perché Radio Onda d'Urto, per chi non lo sapesse, è la radio della sinistra estrema. Basta una veloce occhiata alla pagina web per imbattersi in lamentazioni contro i "neofascisti" che si oppongo all'immigrazione incontrollata favorita dalle navi-taxi delle Ong o contro i cattivoni della polizia che "con un’azione cruenta" hanno sgomberato due centri sociali occupati abusivamente. I pugni alzati al cielo e le kefiah si sprecano, così come non può mancare una celebrazione di Fidel Castro in occasione del “dia de la rebeldia”, il giorno della ribellione, la festa nazionale cubana. Insomma, il campionario vetero-comunista post sessantottino c'è tutto, come in un assurdo viaggio a ritroso nel tempo.


Il tutto sostenuto dal Comune, senza che qualcuno abbia da ridire. Anzi, in realtà chi protesta c'è: Fabio Rolfi, bresciano, consigliere regionale leghista al Pirellone. Che ci svela alcuni retroscena: "Assistiamo al solito clientelismo da parte del sindaco PD di Brescia che per la festa privata di una radio politica mette a disposizione il prolungamento dell'orario della metropolitana, i parcheggi pubblici scontati, le navette garantite e quant'altro. Perché questo trattamento di favore, solo per questa festa, e non per le altre iniziative dell'estate bresciana, come ad esempio sagre e feste parrocchiali? Perché sconti sui mezzi pubblici per gli amici degli amici e non per i bresciani che lavorano anche in agosto? Forse perché stiamo parlando di una radio della sinistra estrema bresciana che a propria volta sostiene la Giunta di Emilio Del Bono?". Come diceva il poeta? Che a pensar male si fa peccato, ma che tante volte ci s'azzecca?

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire

Comunisti col rolex: la vera natura di Liberi e Uguali
Il realistico attacco contro Grasso e Boldrini

Comunisti col rolex: la vera natura di Liberi e Uguali


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU