Dovrà lasciare la Confederazione entro il 15 ottobre

"Non si impegnava a cercare un lavoro": immigrata tedesca espulsa dalla Svizzera

Viveva solo di assistenza: per questo il tribunale amministrativo di Zurigo ha deciso di cacciare la donna, malgrado abbia un figlio di nazionalità elvetica

Redazione
"Non si impegnava a cercare un lavoro" immigrata tedesca espulsa dalla Svizzera!

Il Matterhorn e la bandiera elvetica

Una notizia vera ma che ha dell'incredibile è arrivata mercoledì dalla Svizzera: si preoccupava troppo poco di cercare lavoro e viveva solo di assistenza. Per questo motivo il tribunale amministrativo di Zurigo ha deciso l'espulsione di una immigrata tedesca, malgrado abbia un figlio di nazionalità elvetica. La vicenda è stata raccontata dal Corriere del Ticino.

La donna era arrivata nel 2012 in Svizzera, dove aveva lavorato fino al 2013 in una casa di riposo per anziani. Da allora aveva percepito la disoccupazione e, con l'eccezione di un lavoretto nel maggio 2016, non aveva più avuto un'occupazione. Nel 2015, le era stata respinta la domanda di prolungamento del permesso di soggiorno. Ma nel 2016, la donna, già madre di due figli, ne aveva avuto un terzo con un cittadino svizzero. E, dato che il piccolo ha la nazionalità elvetica, la cittadina tedesca, ha presentato ricorso per riottenere il permesso di soggiorno.

Il tribunale di Zurigo ha invece confermato la sua espulsione: secondo i giudici il bambino, che ha anche la nazionalità tedesca, può lasciare la Svizzera assieme alla madre o rimanere nella Confederazione Elvetica assieme al padre. La donna dovrà lasciare la Svizzera entro il 15 ottobre.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU