smascherati dall'inps

Furbetti del bonus, i politici chiedono la loro testa

Cinque deputati avrebbero chiesto e ottenuto il bonus per le partita Iva, una delle misure varate dal governo per fronteggiare la crisi dovuta all'emergenza coronavirus

Redazione
Furbetti del bonus, i politici chiedono la loro testa

E' caccia ai cinque furbetti, parlamentari, che in barba ai 13mila euro di stipendio hanno chiesto anche i 600 - poi diventati 1.000 - euro del bonus per la ripartenza per le partite Iva, a seguito della crisi post covid. In queste ore si fanno le più dfisparate illazioni e i media si sinistra sostengono che  tre dei cinque sarebbero leghisti, più un grillino ed un parlamentare di Italia Viva. Nell'attesa che i nomi, in barba alla privacy, saltino fuori, diverse sono le reazioni politiche. "Sono coperti dalla legge sulla privacy, ma gli italiani hanno il diritto di sapere chi sono. Fuori i nomi. E se serve assumiamo ogni tipo di iniziativa parlamentare". Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. 

"Come si e' potuto permettere che dei parlamentari che guadagnano 12 mila euro al mese ricevessero anche il bonus covid? E soprattutto: con che coraggio hanno fatto domanda?". Lo scrive il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, leader di Cambiamo! Giovanni Toti stasera via fb. "Durante il lockdown mi sono occupato personalmente di una mamma rimasta vedova mentre aspettava il suo bambino, che non era riuscita a prendere i 600 euro del bonus perche' percepiva la pensione di reversibilita' del marito: circa 35 euro. - ricorda - E poi emergono storie come queste semplicemente inaccettabili e da condannare fermamente".

"E' un'indecenza che 5 parlamentari della Repubblica, durante l'emergenza del coronavirus, abbiano avuto il coraggio di richiedere il bonus di 600 euro riservato ai lavoratori autonomi e alle partite Iva in difficolta'", afferma il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo, in quota M5S. In una nota, spiega: "I nomi di queste 5 persone sono coperti dalla legge sulla privacy ma mi aspetto che siano loro a dichiararsi e a chiedere scusa in particolar modo a chi sta davvero soffrendo da mesi per la crisi economica dovuta alla pandemia". 

"Al momento non abbiamo alcun riscontro, ma se dovesse emergere che eletti hanno fatto richiesta all'Inps del bonus da 600 euro al mese per le partite Iva, quei nomi non finiranno tra i candidati nelle liste della Lega in Veneto e verranno immediatamente sospesi dal movimento". Lo dichiara il deputato e segretario della Liga Veneta Lorenzo Fontana. Netta la presa di posizione del presidente della Camera, Roberto Fico: "E' una vergogna che cinque parlamentari abbiano usufruito del bonus per le partite Iva. Questi deputati chiedano scusa e restituiscano quanto percepito. E' una questione di dignita' e di opportunita'. Perche', in quanto rappresentanti del popolo, abbiamo degli obblighi morali, al di la' di quelli giuridici. E' necessario ricordarlo sempre", scrive la terza carica dello Stato su Facebook.  Di "vera vergogna" parla anche il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

E Matteo Salvini, che subito ha puntato il dito oltre che sui deputati anche sull'Inps e sul governo, 'reo' di aver varato un decreto che consente anche ai deputati di percepire il bonus, dichiara: "Chiunque siano, immediata sospensione". Ancor piu' tranchant la posizione di Italia viva, che con la ministra e capo delegazione Teresa Bellanova chiede le immediate dimissioni dei parlamentari, "a qualunque partito e schieramento appartengono".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Scivolone de Il Fatto: attacca la Lega ma sui fondi confonde il bancario con il sindaco
Marco, Andrea, Giacomo... non è la Bibbia. Ma come fanno le inchieste al Fatto?

Scivolone de Il Fatto: attacca la Lega ma sui fondi confonde il bancario con il sindaco

Grillo rotola dalle scale un giornalista
il reporter: "mi ha fatto cadere"

Grillo rotola dalle scale un giornalista


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU