guerra fredda all'orientale

Nave da guerra cinese contro il Giappone

Isole contese, Tokyo convoca ambasciatore di Pechino per protestare contro la violazione delle acque territoriali. Grande tensione per le Senkaku. Prove di conflitto?

Redazione
Nave da guerra cinese contro il Giappone

Il Giappone ha convocato oggi l'ambasciatore cinese per protestare contro la presenza di una nave da guerra della marina della Repubblica popolare nelle vicinanze delle isole Senkaku (Diaoyu per i cinesi), che sono contese dai due paesi. Questa è la prima volta che una nave militare di Pechino si avvicina tanto all'area rivendicata dai due paesi. "Attorno alle ore 00.50 (17.50 di ieri in Italia), una nave della marina cinese è entrata vicino alle acque territoriali delle isole Senkaku", ha dichiarato in un comunicato il ministero degli Esteri di Tokyo.

I due paesi si contendono questi isolotti disabitati che sono amministrati dal Giappone. Entrambi li considerano parte integrante del loro territorio. La questione si è scaldata dopo che, a settembre 2012, il Giappone ha nazionalizzato alcune delle isole. Il ministero degli Esteri giapponese ha convocato l'ambasciatore cinese Cheng Yonghua alle 2 del mattino locali, per rappresentargli "la viva inquetudine e protestare, esigendo che la nave se ne vada immediatamente," si legge in un comunicato. L'imbarcazione ha poi lasciato l'area.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo
soccorsi e portati in un campo profughi a Khoms

La Libia stoppa un barcone con 158 a bordo

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Saviano da del mafioso a Salvini
il naufragio del pensiero

Saviano dà del mafioso a Salvini

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU