L'invasione islamica nei libri di testo.

Giovanni dAustria
L'invasione islamica nei libri di testo.
L'islamizzazione europea, pensata da Maometto, è stata ribadita nei secoli dai vari califfi e dai molti pensatori e teologi, si passi il termine, islamici. Lo stesso Muʿammar Muḥammad Abū Minyar ʿAbd al-Salām al-Qadhdhāfī, per tutti noi Gheddafi, in modo semplice e sorridendo, affermò che non sarebbe nemmeno servita la spada per islamizzare l'Europa, perché l'aumento demografico dei nuovi migranti nord africani e non solo avrebbe realizzato la promessa del profeta. E così sta avvenendo. Ma non basta. Non solo le nostre istituzioni stanno agevolando in tutti i modi l'esodo degli italiani verso lidi meno drammatici in cui vivere e stanno facilitando in modo esponenziale la sostituzione del nostro popolo con un nuovo "popolo", nella scuola media dove studia mio figlio, nei libri di testo, si legge come questi nuovi migranti siano la fortuna dell'Europa. Come costituiscano il nuovo motore per il futuroi e siano fonte di ricchezza con la loro cultura e i nuovi idiomi. Arabo in primis. Si legge così. I testi scolastici preparano i nostri ragazzi a questo pensiero fazioso che fa parte, inequivocabilmente, di un piano preciso di sostituzione del popolo per il controllo globale. Complottismo? No. Non sono un complottista ma un realista molto preoccupato perché l'islam, sempre nei nostri libri di scuola, viene anche presentato come una religione di pace, come una ventata di bellezza spirituale. Tutto il nostro passato, invece, è spazzato via o dipinto come qualcosa di razzista. Alludo principalmente alle crociate per la liberazione del Santo Sepolcro. Non sembra esserci scampo. Se l'islam avanza, il nemico principale che dovremmo combattere non è questa pseudo religione ma sono le follie dei nostri amministratori che stanno distruggendo la nostra identità anche nella scuola. In passato ci furono grandi battaglie per difendere la nostra identità che non vengono più ricordate, battaglie che hanno garantito la nostra libertà dai mori. E oggi? Oggi non è così, stiamo contribuendo tutti ad un suicidio di massa promosso dalle nostre stesse istituzioni. Non preoccupatevi, il peggio deve ancora venire e, parola mia, verrà!

Lepanto, Grecia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU