usa: si dimette il savonarola del caso Weinstein

Accusava di abusi, nei guai per stupro il procuratore anti-Trump e pro musulmani

Picchiava e stuprava le donne e le minacciava perché non parlassero. Giornale smaschera la "faccia pulita" dell'uomo di Obama

Redazione
Accusava di abusi, denunciato a sua volta per stupro il procuratore anti-Trump e pro musulmani

Foto ANSA

Il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman, si è dimesso poche ore dopo che il New Yorker ha pubblicato le dichiarazioni di alcune donne che lo accusano di abusi e violenze. "Accuse gravi, che io contesto con forza, sono state fatte contro di me - ha dichiarato il procuratore democratico - anche se sono non collegate alla mia attività professionale, queste mi impedirebbero di guidare l'attività di questo ufficio".

Due delle quattro donne intervistate dal magazine newyorkese hanno fornito la loro identità, Michelle Manning Barish e Tanya Selvaratnam, affermando di essere state picchiate da Schneiderman mentre avevano una relazione con lui. Entrambe hanno detto che lui aveva minacciato di ucciderle se l'avessero lasciato. E Selveratam ha anche detto di sospettare che il procuratore l'abbia fatta seguire e abbia messo i suoi telefoni sotto controllo. Le donne non si sono rivolte alla polizia ma sarebbero andate all'ospedale dopo gli episodi di violenza.

In una prima dichiarazione il procuratore si era difeso affermando che si trattava di "giochi di ruolo nell'ambito di relazioni sessuali consensuali, non ho ha aggredito nessuno, non ho mai avuto relazioni sessuali non consensuali". Ed un suo portavoce ha escluso che il procuratore abbia mai minacciato nessuno. Ma poi nel giro di poche ore, anche a seguito delle pressioni di alleati politici, tra i quali il governatore democratico Andrew Cuomo, il procuratore ha presentato le sue dimissioni che avranno effetto da oggi.

Senatore dello stato di New York dal 1998 al 2010, Schneiderman era diventato il 65esimo attorney general di New York nel 2011. Rieletto nel 2014, il procuratore, come già da senatore, si era sempre mostrato un paladino delle cause per la difesa delle donne. E lo scorso febbraio aveva avviato una causa contro Harvey Weinstein, l'ex produttore di Hollywood accusato di molestie e violenze sessuali nello scandalo che lo scorso anno ha dato inizio al movimento del #metoo.

Considerato come un possibile successore di Cuomo alla poltrona di governatore di New York, Schneiderman negli ultimi anni si era distinto come un fiero oppositore dell'amministrazione di Donald Trump. Già prima dell'elezione alla Casa Bianca, il suo ufficio aveva avviato una causa collettiva contro la Trump university, assicurando un accordo da 25 milioni di dollari agli studenti "truffati" dalla promessa di diventare degli imprenditori di successo.

Nei mesi scorsi dal suo ufficio poi erano partite diverse cause contro l'amministrazione Trump, da quelle contro le misure varate per revocare regole ambientaliste a quelle contro il muslim ban. Subito dopo la notizia delle sue dimissioni, il figlio di Trump, Donald Trump jr. e Kellyanne Conway, consigliere della Casa Bianca, hanno postato tweet in cui trapela soddisfazione per l'accaduto e si accusa Schneiderman di ipocrisia per la posizione presa sul caso Weinstein e gli attacchi rivolti a Trump quando il presidente è stato accusato di molestie da una decina di donne.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Genova, il PD si prende i fischi, Orfini carica a testa bassa
chi ha preso gli applausi, chi le urla "vergogna"

VIDEO / Genova, fischiato il PD. E adesso Orfini carica a testa bassa

Molotov contro la Guardia costiera tunisina, morti quattro clandestini
hanno incendiato il barcone per coprirsi la fuga ma...

Molotov contro la Guardia costiera tunisina, morti quattro clandestini

Clandestini, la Spagna "compagna" si scopre pro-espulsioni
accoglienti finché ce li prendevamo noi...

Clandestini, la Spagna "compagna" si scopre pro-espulsioni

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"
tanti pistolotti all'italia, ma poi...

Il buonismo spagnolo s'è già esaurito: "No ad Aquarius"

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU