la ripresa che non c'è

Adesso lo ammette anche Draghi: l'eurozona non serve a niente

"La crescita dell'area euro continua a velocità moderata". E sulla Brexit: "Gli effetti a breve termine sono stati meno drammatici dell'atteso"

Redazione
Adesso lo ammette anche Draghi: l'eurozona non serve a niente

Foto ANSA

Il Paese non cresce, al di là dell'annuncite renziana, e quel che è peggio è che non cresce nemmeno l'intera eurozona. La qual cosa, una volta di più, dà ragione agli inglesi che hanno optato per la Brexit. E l'appello, in queste ore, è stato lanciatio proprio dai burocrati di Bruxelles, dai responsabili del disastro, quelli che decidono sulla pelle degli ignari cittadini. ''Quello che chiediamo a gran voce sono azioni per rafforzare la crescita'', ha dichiarato il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde.


E alla fine pure Mario Draghi, il presidente della Bce, ha dovuto ammettere ciò che da tempo è già sotto gli occhi di tutti, che "la crescita dell'area euro continua a velocità moderata". O meglio, che in barba a tante balle raccontateci, l'euro non ci sta salvando, non ci sta facendo (prodianamente) lavorare "un giorno in meno alla settimana" e che la crisi continua, nonostante i massacranti sacrifici, i tagli e le gabelle imposte ai contribuenti europei da Bruxelles ed invocati a gran voce da frau Merkel e dalle banche.

Poco importa che Draghi abbia cercato di salvarsi in corner sottolineando che "l'inflazione resta bassa ma si dovrebbe accelerare, con il raggiungimento del target del 2% fra la fine del 2018 e l'inizio del 2019". Il presidente della Bce ha dovuto confessare che, sulla Brexit, "gli effetti a breve termine sono stati meno drammatici dell'atteso". Ma come, non doveva saltare in aria l'economia di tutta l'eurozona?


Oltre a Renzi, l'unico rimasto a difendere l'indifendibile sembra essere il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Che, non sapendo come ribattere al fatto che la ripresa non ci sia, della (mancata) crescita italiana ha dichiarato: ''Non cambio idea sulle previsioni programmatiche per il 2017, anzi le confermo''. Come se ciò bastasse a far ripartire l'economia. Povera Italia!

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Quei pensionati presi in giro dall'Inps...
la fregatura dei diritti inespressi

Quei pensionati presi in giro dall'Inps...

La Flat tax secondo Siri. Cambiare (in meglio) si può
per un sistema fiscale meno ingiusto

La Flat tax secondo Siri. Cambiare (in meglio) si può

Khakistocrazia, la flat tax secondo Gentiloni
quel pd che non capisce niente

Khakistocrazia, la flat tax secondo Gentiloni


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU