la ripresa che non c'è

Adesso lo ammette anche Draghi: l'eurozona non serve a niente

"La crescita dell'area euro continua a velocità moderata". E sulla Brexit: "Gli effetti a breve termine sono stati meno drammatici dell'atteso"

Redazione
Adesso lo ammette anche Draghi: l'eurozona non serve a niente

Foto ANSA

Il Paese non cresce, al di là dell'annuncite renziana, e quel che è peggio è che non cresce nemmeno l'intera eurozona. La qual cosa, una volta di più, dà ragione agli inglesi che hanno optato per la Brexit. E l'appello, in queste ore, è stato lanciatio proprio dai burocrati di Bruxelles, dai responsabili del disastro, quelli che decidono sulla pelle degli ignari cittadini. ''Quello che chiediamo a gran voce sono azioni per rafforzare la crescita'', ha dichiarato il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde.


E alla fine pure Mario Draghi, il presidente della Bce, ha dovuto ammettere ciò che da tempo è già sotto gli occhi di tutti, che "la crescita dell'area euro continua a velocità moderata". O meglio, che in barba a tante balle raccontateci, l'euro non ci sta salvando, non ci sta facendo (prodianamente) lavorare "un giorno in meno alla settimana" e che la crisi continua, nonostante i massacranti sacrifici, i tagli e le gabelle imposte ai contribuenti europei da Bruxelles ed invocati a gran voce da frau Merkel e dalle banche.

Poco importa che Draghi abbia cercato di salvarsi in corner sottolineando che "l'inflazione resta bassa ma si dovrebbe accelerare, con il raggiungimento del target del 2% fra la fine del 2018 e l'inizio del 2019". Il presidente della Bce ha dovuto confessare che, sulla Brexit, "gli effetti a breve termine sono stati meno drammatici dell'atteso". Ma come, non doveva saltare in aria l'economia di tutta l'eurozona?


Oltre a Renzi, l'unico rimasto a difendere l'indifendibile sembra essere il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Che, non sapendo come ribattere al fatto che la ripresa non ci sia, della (mancata) crescita italiana ha dichiarato: ''Non cambio idea sulle previsioni programmatiche per il 2017, anzi le confermo''. Come se ciò bastasse a far ripartire l'economia. Povera Italia!

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Senato russo: "Ora è possibile l'Italexit"
Pushkov sul voto referendaRIO

Senatore russo: "Ora è possibile l'Italexit"

Vittoria del No: non crollano le borse
le bugie PD hanno le gambe corte

Vince il NO ma... non crollano le borse


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU