L'ULTIMA STOCCATA DI CAPROTTI

Quel testamento del re dei supermercati che umilia le Coop comuniste

Il fondatore di Esselunga, scomparso pochissimi giorni fa all'età di 90 anni, ha lasciato delle disposizioni testamentarie in cui chiede esplicitamente che la sua azienda non diventi mai una Coop

Francesco Vozza
Quel testamento del re dei supermercati che umilia le Coop comuniste

Che fosse un fiero avversario delle Coop rosse era cosa ben nota, sin da quando pubblicò quel suo libro Falce e Carrello con cui creò non pochi imbarazzi ad un'Italia ancora dominata dall'establishment del Partito Comunista. Ma con le sue disposizioni testamentarie, Bernardo Caprotti ha voluto dare la spallata finale a quel mondo delle cooperative che tanto detestava: infatti, in quelle 15 pagine di testamento, aperte proprio ultimamente in seguito alla sua morte, il fondatore di Esselunga, nonché inventore del moderno supermercato italiano, ha chiesto in modo esplicito che la sua azienda non venga mai trasformata in una Coop.

L'ultima stoccata del re dei supermercati nasce forse anche dalla paura che la sua creatura venga lentamente distrutta dalle liti interne tra i due figli e che possa, di conseguenza, finire nelle mani sbagliate. E per Caprotti le mani sbagliate sono state sempre quelle rosse. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Remo Gobbi:
Il non-editoriale
Alessandro Morelli

Il non-editoriale


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU