presidenziali americane

La Clinton continua col ritornello degli hacker russi. L'Fbi la smentisce

Il direttore della polizia federale, James Comey, dichiara pubblicamente che "non c'è alcun dubbio sulla tenuta dei software che gestiscono i milioni di voti, questo anche se si trattasse di hacker guidati dai servizi segreti russi"

Alfredo Lissoni
La Clinton continua col ritornello degli hacker russi. L'Fbi la smentisce

Il direttore dell'FBI James Comey

Hillary Clinton continua a raccontare la balla degli hacker russi pronti a manomettere informaticamente i risultati delle presidenziali (parandosi così le spalle in caso di sconfitta) ed alla fine anche all'Fbi perdono la pazienza. Ed il direttore della polizia federale, James Comey, annuncia pubblicamente che "non c'è alcun dubbio sulla tenuta dei software che gestiscono i milioni di voti, questo anche se si trattasse di hacker guidati dai servizi segreti russi".


Per inciso, proprio il Bureau, nei giorni scorsi, aveva gettato benzina sul fuoco, pubblicando un'allerta "sulla possibilità che pirati informatici possano prendere di mira i computer che gestiscono il sistema di voto dei singoli stati. Per esempio in Arizona gli hacker sono riusciti a ottenere una delle due chiavi necessarie per accedere alla lista con i cittadini iscritti al voto".

Allo stesso tempo l'Fbi sta investigando su una serie di attacchi e furti al partito democratico, nei quali si crede fermamente che possa essere coinvolto il Cremlino. Comey non ha voluto di discutere questo argomento, ma ha cercato di rassicurare i partecipanti dell'Intelligence and National Security Summit sostenendo che c'è una grande differenza tra l'accesso alle liste delle persone registrate e quello al sistema di conteggio.

"La bellezza del sistema di voto degli Stati Uniti è che è distribuito in cinquanta stati ed è molto farraginoso", ha aggiunto Comey. Anche le elezioni federali infatti sono gestite dai singoli stati senza che ci sia un agenzia centrale che se ne occupi. Infine Comey ha ricordato come l'arretratezza del sistema sia, paradossalmente, un suo punto di forza. Spesso, ha concluso il capo della polizia federale, i voti vengono contati a mano dalle persone senza un computer. "Gli hacker capirebbero che non c'è una cavo a fibra ottica a gestire i voti, ma una donna che si chiama Sally e un uomo che si chiama Joe".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"
quella sinistra che non si rassegna

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani
La telefonata chiarificatrice col premier Conte

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani

Migranti: Le Pen plaude a Salvini
il capitano "ha ragione".

Immigrati, la Le Pen plaude a Salvini

Clandestini, il Belgio: "Fare un campo profughi in Nord Africa"
se per l'Italia "Basta così" e Malta dice no, è l'unica soluzione

Clandestini, il Belgio: "Fare un campo profughi in Nord Africa"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU