Elena Salvarezza

Elena Salvarezza

Giornalista pubblicista, con una laurea in Design incorniciata. Orgogliosamente comasca, ma milanese d'adozione, è cresciuta a pane, cross della Juve e libri della Fallaci. Anima complicata, adatta per pochi. In ricerca costante di tutto ciò che eleva l'ordinario allo straordinario.  Felicemente zia. Vive per scrivere perché il linguaggio scritto le dà il tempo di ponderare le parole e girare bene la penna nella piaga. Il motto che ha abbracciato? Quando arrivi a farti odiare, sai che stai facendo bene il tuo lavoro e lascerai il segno.

POST di

Macron tratta per i jihadisti francesi in Irak

le figaro

Macron tratta per i jihadisti francesi in Irak

Quelle prove d'intesa Fico-De Magistris...

il fatto quotidiano

Quelle prove d'intesa Fico-De Magistris...

Il Giornale: "Salvini è già Premier"

lega superstar

Il Giornale: "Salvini è già Premier"

A Cremona la sfida è a due

la provincia di cremona

A Cremona la sfida è a due

Il Fatto: "Salvini comanda"

polvere di cinque...stelle

Il Fatto: "Salvini comanda"

Il Giornale: "Doppia truffa elettorale"

la polemica del giorno

Il Giornale: "Doppia truffa elettorale"

Repubblica dei rosiconi: "Governo a mare"

rassegna stampa: il ritorno dei gufi

Repubblica dei rosiconi: "Governo a mare"

L'e-commerce ha il vento in poppa

STRATEGIE DI MERCATO

L'e-commerce ha il vento in poppa

Il fascino che esercita l'e-commerce è rimasto del tutto inalterato, anzi è aumentato col tempo. Nel 2017 in Italia ha fruttato 23,6 miliardi di euro. Una cifra ragguardevole considerati i processi di trasformazione della società. Eppure l'espansione nel mercato online rappresenta una fase fondamentale nella strategia digitale, che riverbera le richieste da parte dei clienti, giovani e meno giovani. Ma cosa acquistano gli italiani davanti ad un pc o direttamente dal proprio smartphone? Pur restando i tradizionali negozi una vetrina fondamentale dove poter individuare la taglia giusta o appurare la qualità dei tessuti, gli acquisti online dedicati all'abbigliamento hanno avuto nell'anno 2017 un incremento del 28% rispetto al 2016, pari a 2,5 miliardi in più. Nonostante questa scalata, il settore turistico si conferma decisamente ai vertici della classifica con ben 9,2 miliardi, registrando un +7% rispetto allo scorso anno, seguito subito dopo dall'informatica che, insieme all'elettronica, fa registrare 4 miliardi di acquisti (+28%). Ultimo, ma non per importanza, il settore dell'home design che conquista gli italiani, inducendoli a spendere 1,8 miliardi di euro. Il dado è tratto. Ora sta alle grandi aziende capire se sfruttare il potenziale economico che è in grado di elargire la piattaforma di e-commerce, allargando di conseguenza la propria offerta dei servizi e ampliando l'approccio ai mercati di riferimento. E c'è chi come Giorgio Armani, in questa direzione, sta investendo tutto il futuro del proprio "Impero di moda". Proprio così. Come lui stesso ha rivelato in una recente intervista al Corriere della Sera, ha deciso di investire “svariati milioni di euro” per installare, nella sua sede milanese, un centro di produzione di contenuti digitali. E non si è certo fermato qui. Ha deciso di assumere all'interno della Maison nuove figure professionali per ideare capsule collection di abbigliamento e di accessori, messe in vendita in maniera unicamente virtuale. Una bella sfida, senza dubbio, che consacra Giorgio Armani tra i principali sostenitori dei nuovi strumenti di mercato, ma soprattutto fiancheggiatore del talento giovanile, sia nella moda che in altri fronti. E non potrebbe essere altrimenti. Per stimolare nuove vendite e nuove forme di acquisto, necessario è quindi "andare oltre", investendo sui social e sulla comunicazione digitale, senza però cadere nell'errore di tralasciare la qualità dei propri prodotti. Una corsa in parallelo, a tinte nitide. Così come altrettanto chiaro è alle Aziende che gli utili derivanti dall'e-commerce, possano facilmente arrivare a ricoprire quasi la metà del fatturato annuale. Sia in piena stagione, che durante i ribassi stagionali dove, complici le percentuali allettanti e le defilate lunghe file alle casse, gli acquisti on line fanno la loro discreta parte. Oltre ogni aspettativa. Va da sé che nell'attività del commercio elettronico, forse in dose maggiorata rispetto a quello tradizionale, le fregature siano sempre in agguato, ma un futuro miglioramento della logistica potrà avere un significativo impatto positivo a partire dai consumatori fino ad arrivare ai merchant, passando dagli stessi operatori logistici.

Quando il look ti chiede di stare al passo, punta sugli 'intramontabili'

Autunno Inverno 2017-2018

Quando il look ti chiede di stare al passo, punta sugli 'intramontabili'

Caldo, poi freddo. Ancora freddo, di nuovo caldo. Non è uno scioglilingua, ma il riflesso perfetto del periodo autunnale, centellinato da cambi repentini di temperatura. Ed ovviamente anche il modo di vestire deve 'tenere il passo'.  Va da sè che ogni stagione abbia un suo revival, quel capo intramontabile da riscoprire e rispolverare dal proprio armadio, diventato più che mai versatile e poliedrico. Potremmo definirlo il must-have dell' autunno, anche se è estremamente difficile privarsene tutto l'anno, persino nella stagione più calda. Stiamo parlando, chiaramente, del denim che, nonostante abbia fatto la storia di intere generazioni, il suo fascino è rimasto intatto negli anni. Che si presenti attillato, casual, o coniugato ad elementi leggeri che accendono il contrasto, è lui il vero ingrediente di successo. L'unico tessuto, del resto, capace di prestarsi a più stili, a più occasioni. Abbinato a comode sneakers o piuttosto a decolletè eleganti, a tessuti leggeri o ancora a ricchi dettagli di fantasia. A dominare in questa stagione è uno stile alternativo, ma anche un po' anni '90. Decisamente un mix incredibile dove non esistono regole, non esistono schemi, ma sei tu a 'fare la moda'. Sei tu ad avere la possibilità di creare uno stile unico, o perlomeno, personalizzato.  Le collezioni autunno/inverno 2017-18, che hanno fatto capolino nei negozi, uniscono il sofisticato spirito femminile ad una irriverente personalità, che più si adatta alle diverse tipologie di donna. Senza badare all'età, ma guardando sempre avanti. Ma su quale nouance puntare, per presentarsi con un look convincente? Il blu è il nuovo nero. Non c'è ombra di dubbio. Una tinta passepartout che ha intrapreso un veloce sorpasso dal colore centauro per eccellenza. Reinterpretato, attualizzato, reso contemporaneo. Declinato su stampi, ricami, materiali mix and match per una eleganza bon ton, ma abbondantemente al passo coi tempi. Il blu contribuisce ad alleggerire una mise. Sta bene a tutti i tipi di carnagione. Sia chiaro. La parola d'ordine resta quella di "farsi notare". Quindi osate pure.

Debutti, conferme e nuove location, tutto pronto (o quasi) per 'Milano Moda Donna'

Camera Nazionale della Moda Italiana

Collezioni Primavera Estate 2018

Debutti, conferme e nuove location, tutto pronto (o quasi) per 'Milano Moda Donna'

Milano Moda Donna è pronta a tornare. E lo farà con un'edizione rinnovata che si svolgerà da mercoledì 20 a lunedì 25 settembre. Il capoluogo meneghino si appresta ad ospitare un momento tanto atteso dal fashion system internazionale in cornici di tutto rispetto, come la Sala Cariatidi di Palazzo Reale, lo Scalone dell'Arengario o ancora il Padiglione d'Arte Contemporanea.  Ma non è di certo finita qui. Grande novità della Milano Fashion Week 2017, grazie alla collaborazione tra Comune di Milano e CNMI (Camera Nazionale della Moda Italiana), saranno due location d'eccezione: la Fabbrica del Vapore, messa a disposizione per la prima volta della Fashion week a seguito del successo ottenuto durante le sfilate maschili dello scorso febbraio, e inoltre lo Spazio Cavallerizze, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia. 63 sfilate, 96 presentazioni e 20 eventi correlati, questi i grandi numeri di una settimana che si preannuncia trasudante di collezioni (ben 159) per la primavera/estate del 2018, con il debutto delle sfilate di Albino Teodoro (sabato 23), Brognasco (venerdì 22), The-Sirius (giovedì 21) e Sshena (lunedì 25). Tanti i big confermati. Gucci, Byblos, Alberta Ferretti, Francesco Scognamiglio e Fausto Puglisi mostreranno le proprie collezioni nel giorno d'apertura. Riflettori puntati su Max Mara, Genny, Fendi, Les Copains, Prada e Moschino il giovedì 21 settembre. Protagonisti della terza giornata saranno Tod’s, Giorgio Armani, Sportmax, Krizia, Etro, Roberto Cavalli e Versace, mentre sarà la volta di Bottega Veneta, Antonio Marras, Blumarine, Simonetta Ravizza, Ermanno Scervino, Missoni, Jil Sander, Philosophy e Salvatore Ferragamo sabato 23. Domenica 24 settembre sfileranno Marni, Trussardi e Laura Biagiotti e infine sarà affidata a Mila Schön, lunedì 25, la chiusura della kermesse. In attesa del calendario definitivo della #MFW (hashtag ufficiale), sarà possibile consultare il sito della manifestazione milanomodadonna.it, dove si potrà vedere, in diretta Live-Streaming, i contenuti delle sfilate e degli eventi collaterali. E ancora, saranno i social network co-protagonisti di questa edizione: Facebook, Twitter e Instagram (@cameramoda) offriranno aggiornamenti in tempo reale sull' "arteria principale" della moda italiana. Insomma, non resta che rimanere connessi.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU