il killer frequentava la moschea

VIDEO / Strage di Manatthan, la polizia arresta il terrorista. In un biglietto: "Sono Isis"

Le comunità islamiche locali si smarcano: ''Le azioni terroristiche a New York contravvengono gli insegnamenti dell'Islam''

Redazione

Mentre sui social nostrani le solite anime delle dell'accoglienza a tutti i costi mettono in dubbio che il killer fosse un estremista musulmano e già cercano di spiegare la mattanza attribuendola ad un folle ed alla facilità con cui negli Stati Uniti si vendono le armi, emergono nuovi dettagli (ed il video dell'arresto, che vi mostriamo). Il killer di New York frequentava la moschea di Paterson, in New Jersey, località dove viveva con la moglie e due figli. Secondo indiscrezioni la moschea era finita nel mirino nel 2006 del criticato programma di sorveglianza della comunità musulmana della polizia di New York interrotto nel 2014 da Obama.


E mentre la comunità islamica locale prende le distanze dal killer e dal jihadismo, si apprende che l'assassino uzbeko ha lasciato un bigliettino vicino furgoncino usato per l'attacco nel quale ha scritto che agiva per l'Isis. Lo riportano i media americani citando alcune fonti.


"Gli attacchi terroristici e la violenza non rappresentano l'Islam". Lo affermano i leader della comunità dopo l'attacco a pochi isolati dal World Trade Center che ha fatto otto morti e più di 10 feriti. ''Le azioni terroristiche a New York contravvengono gli insegnamenti dell'Islam'', afferma l'organizzazione True Islam. Le fa eco la comunità islamica Ahmadiyya: ''L'Islam non promuove questi atti, ci auguriamo che gli americani musulmani non si trovino a sperimentare reazioni negative''. Peccato che i fatti dicano altro.
 
 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il feretro della "belva" Totò Riina è stato sotterrato, nel cimitero di Corleone
il boss dei boss sotto terra

Il feretro di Riina sotterrato a Corleone

Rita Kats: "poster Isis sollecita attacco a Vaticano a Natale"
"bergoglio, vendicheremo ogni goccia di sangue"

Ritorna la minaccia Isis: "Colpite il Vaticano"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU