Bernadette in trasferta romana

Miracolo a Roma! 130 dipendenti ATAC guariscono contemporaneamente

Da anni impossibilitati a lavorare come autisti di bus e treni, a causa di problemi di salute, dopo la visita medica mandata dall'azienda, miracolosamente si risanano in gruppo

Fabio Montoli

La città Santa bacia i 160 dipendenti malati dell'Atac, l'azienda dei trasporti pubblici della Capitale che, a causa problemi di salute e "fisici", erano da anni impossibilitati a lavorare come conducenti o operai delle officine.

Un vero e proprio "miracolo", proprio nell'anno della santificazione di Madre Teresa di Calcutta. E, il miracolo, non si manifesta con luce abbagliante o con un angelo che scende dalla volta celeste, bensì per mano dei medici aziendali, mandati proprio dai vertici Atac, decisi di avviare una serie di controlli straordinari.

I 160 dipendenti malati, avevano dichiarato di avere problemi fisici gravi, tali da rendere impossibile lo svolgimento del lavoro sui bus o nelle officine, per questo l’azienda era stata costretta, nonostante l'assenza di requisiti professionali adeguati, a ricollocarli negli uffici, decisamente più confortevole rispetto al sedile di un bus o agli spazi angusti del treno.



Adesso, sparite le disabilità per i 130 miracolati, rimangono i guai. L'Atac, infatti, pare abbia creduto poco a queste guarigioni di massa. Anzi, a dirla tutta, ha sospettato una truffa ai danni dell'azienda stessa e dell’Inps, e per questo, la scorsa settimana è stato presentato un esposto alla Procura di Roma.

"Nemmeno a Lourdes succedono cose del genere", ci scherza sopra, un funzionario dell'ufficio del personale della municipalizzata romana ma, la verità, è che, i furbetti del quartierino, l'hanno fatta franca per anni, ancora una volta. Noi, nel frattempo, raccogliamo le prenotazioni per il nuovo pellegrinaggio all'Atac di Roma; sembra che le guarigioni non siano finite.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU